Pigneto: insulti razziali e aggressioni fisiche, bambini maltrattati in un nido privato

Il blitz è scattato dopo mesi di intercettazioni ambientali anche con l'utilizzo di telecamere, grazie alle quali sarebbe stato evidenziato il comportamento violento di due fratelli

Immagine di repertorio

Maltrattatavano fisicamente e verbalmente bambini di pochi mesi. E' quanto è accaduto, secondo le indagini della Polizia di Fiumcino, in un nido privato al Pigneto. Accusati di tali aggressioni due fratelli di 30 e 40 anni, gestori dell'attività risultata totalmente abusiva.

I poliziotti della Polizia di Stato della Polaria, dopo aver raccolto la segnalazione di un genitore, allarmato dal repentino cambiamento nel comportamento del loro bimbo, hanno avviato una complessa attività investigativa, anche mediante l’utilizzo di sistemi d’intercettazione audio e riprese visive, che ha consentito loro di appurare come, nella struttura, frequentata da 16 bambini di età compresa tra i cinque mesi ed i tre anni, si consumassero reiterati episodi di maltrattamento.

I bambini in tenera età infatti, venivano esposti a continue umiliazioni, subendo anche maltrattamenti. Gli arrestati erano soliti apostrofare i minori con insulti anche a sfondo razziale, utilizzando sistematicamente riferimenti sessuali sempre espressi in modo volgare ed osceno. Non sono mancati anche episodi di violenza fisica, durante i quali i bimbi venivano picchiati o lanciati in terra spesso perché responsabili di un pianto accorato.

Le indagini sono state coordinate dal sostituto procuratore della repubblica presso il Tribunale di Roma, dottoressa Claudia Alberti che, accogliendo la tesi investigativa prospettata dagli operanti ha disposto puntuali accertamenti che hanno consentito di offrire al Gip di Roma, dottoressa Passamonti, "un quadro accusatorio di rilevante gravità".

L’intervento repressivo, condotto con la partecipazione della Asl per gli aspetti di specifica competenza, si è reso necessario proprio per impedire un protrarsi della esposizione dei minori alle violenze psico-fisiche. Ai bambini ed ai loro genitori è stato assicurato un servizio di consulenza medico specialistico per l’assistenza post-traumatica. I due fratelli, al termine delle incombenze di rito sono stati associati presso strutture carcerarie della capitale.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Salvini a Roma: in 40mila in piazza per il leader della Lega. Strade chiuse e bus deviati

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

  • Insegue scooterista e lo travolge con l'auto, poi le minacce: "Se non ti ho ammazzato oggi lo farò domani"

Torna su
RomaToday è in caricamento