Roma allagata, Raggi: "Fogne inadeguate al cambiamento climatico"

La sindaca: "Fatto il possibile, poteva andare peggio"

I danni ci sono stati. Ma poteva andare peggio. La sindaca Virginia Raggi, nell'inevitabile polverone di polemiche che sta seguendo una domenica di maltempo e allagamenti, si difende: "Se non avessimo avviato già l'anno scorso l'intervento sui primi tombini e le caditoie i danni sarebbero stati maggiore" ha detto a margine della presentazione del recupero dell'Ex Gil di Ostia. "È stato un nubifragio eccezionale, che come avete visto ha scaricato su Roma oltre 100 millimetri di acqua in nemmeno tre ore. È stato effettivamente un evento estremamente violento con una quantità d'acqua molto importante".

Il dito è puntato sul "sistema fognario" inadeguato: "L'amministrazione di Roma sta continuando a intervenire sui tombini e sulle caditoie. Abbiamo inoltre anticipato i lavori dello spazzamento delle foglie. Noi stiamo facendo tutto quello che possiamo fare, ma qui c'è da ripensare completamente l'impianto fognario perché le fogne che sputano fuori acqua fanno capire che l'impianto non è dimensionato per fenomeni di questo genere e di questa portata".

La "rilfessione" parte dalle "immagini dei tombini che spuntano fuori acqua". Continua la sindaca: "Probabilmente il sistema fognario di Roma non è attrezzato per eventi di questa portata e di questa violenza. Questi nubifragi che purtroppo iniziano ad essere sempre più frequenti, indice di un cambiamento climatico in atto, diventeranno sempre più frequenti. Ci stiamo attrezzando, abbiamo sottoposto alla Regione un piano di assetto idrogeologico, che spero che a breve venga sottoscritto, stiamo riattivando l'ufficio sul dissesto idrogeologico". Infine un appello alle istituzioni: "Ciascuno faccia la propria parte". 

La sindaca, interpellata a riguardo dai cronisti, ha poi provato a fare una stima sul numero dei tombini sui quali si è intervenuti: "La cifra potremmo comunicarla a breve, stiamo facendo una ricerca Municipio per Municipio. Su 800.000 manufatti, 720.000 sono dei Municipi e 80.000 del Simu. Il conteggio non è assolutamente agevole. Noi siamo intervenuti ma c'è ancora moltissimo da fare. Abbiamo avviato un lavoro l'anno scorso ma servirà tempo per poterlo monitorare uno ad uno". 

Non si arrestano le polemiche: "Apprendiamo dalla Sindaca che, mentre nel 2014 l'allagamento della città era colpa del Pd, oggi è dei cambiamenti climatici" le parole della consigliera capitolina del Partito Democratico, Valeria Baglio. "Piuttosto che spararle sempre più grosse, la Raggi pubblichi sul sito la mappa dei tombini e delle caditoie della città, quelle su cui l'Amministrazione è già intervenuta per la pulizia e sui quali sono programmati interventi. L'ora delle chiacchiere sta finendo e non servono comunicati quotidiani su singoli interventi. Alla città serve davvero capire se chi siede oggi in Campidoglio e' in grado di governare la città, anche dimostrando l'esistenza di una programmazione seria e puntuale". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La Sindaca informa e informa male" aggiunge la consigliera capitolina pd Ilaria Piccolo. "Ogni settimana sul sito del Comune di Roma viene pubblicato il 'programma'. Nello specifico, nel numero 40 viene annunciata la pulizia delle caditoie. Siamo seri? La domanda sorge spontanea perché come tutti i romani hanno potuto constatare, è bastato un temporale stagionale per allagare Roma e ridurre una delle capitali europee ad una palude?". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dopo il lockdown: ecco in quali quartieri sono aumentati di più i contagi

  • Coronavirus, a Roma 17 nuovi contagi. Positivo bimbo di un anno a Civitavecchia

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

  • Castel Sant'Angelo, in bilico sul cornicione del ponte a tre metri dal Tevere

  • Coronavirus: a Roma 12 nuovi casi, sono 23 in totale nel Lazio. I dati Asl del 10 luglio

Torna su
RomaToday è in caricamento