Mafia Capitale: gli avvocati di Buzzi chiedono i domiciliari per il "Ras delle cooperative"

Istanza presentata dai difensori al Riesame

Salvatore Buzzi

I giudici del tribunale del riesame della Capitale si sono riservati di decidere in merito alla richiesta di arresti domiciliari avanzata dai difensori di Salvatore Buzzi, il cosiddetto ‘ras delle cooperative’ condannato in primo grado a 19 anni nel processo su "Mafia Capitale"

Richiesta arresti domiciliari per Salvatore Buzzi 

Nell’udienza di stamattina l’avvocato Piergerardo Santoro ha presentato l’istanza spiegando che per il suo assistito "non sussistono più le esigenze cautelari alla luce del fatto che non c’è il rischio di reiterazione del reato". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le motivazioni della richiesta 

Secondo i difensori "Buzzi nella sentenza di luglio, che ha fatto cadere l’accusa di associazione di stampo mafioso, è interdetto in perpetuo dai pubblici uffici e in stato di interdizione legale durante l’esecuzione della pena. Inoltre cooperative sono da tempo in amministrazione giudiziale. Alla luce di questa situazione abbiamo chiesto che al nostro assistito vengano concessi gli arresti domiciliari". (Fonte Askanews)
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma: scuole, eventi, orari di bar e ristoranti. Tutto quello che c'è da sapere

  • Coronavirus, a Roma 38 nuovi casi. Nel Lazio 2505 i contagiati totali, oggi la metà dei morti rispetto a ieri

  • Coronavirus: 2362 positivi nel Lazio, 73 oggi a Roma. D'Amato: "Trend regionale in calo"

  • Coronavirus: a Roma 58 nuovi positivi, 2914 casi nel Lazio. Record di guariti nelle ultime 24 ore

  • Roma, dove ha colpito di più il Coronavirus? Ecco la mappa dei contagi nei municipi

  • Coronavirus: a Roma 54 nuovi positivi, si abbassa il trend dei contagi. Nel Lazio 3095 casi da inizio epidemia

Torna su
RomaToday è in caricamento