Pigneto: macchine per cucire ed etichette, 37mila capi falsi sequestrati

E' stata una precedente attività investigativa a indirizzare i controlli dei poliziotti, in un appartamento al Pigneto

Continua la lotta all'abusivismo commerciale al Pigneto. Gli agenti della Polizia di Stato del commissariato Trevi Campo Marzio hanno denunciato per ricettazione, introduzione e commercio di marchi contraffatti 4 cittadini stranieri.

E’ stata una precedente attività investigativa  a indirizzare i controlli dei poliziotti, in un appartamento al Pigneto. All'interno sono stati sorpresi 4 stranieri, tre senegalesi ed un mauritano, intenti acucire marchi e topperappresentanti griffe di moda falsificate, su capi di abbigliamento e accessori, tra i quali piumini e borse.

Nel corso della perquisizione sono stati individuati più di 37.000 pezzi tra marchi, effigi, etichette, simboli metallici e zip raffiguranti i marchi Moncler, Kway, Adidas, Nike, Ciesse Piumini, Yves Saint Laurent, Prada, Stone Island, Harmon and Blaine, Colmar, Napapijiri, Woolrich, LiuJo, Burberry, Saucony, Chanel, Armani Chanel, Blauer, Luis Vuitton, oltre a due macchine per cucire e relativi accessori, spolette di filo di vari colori, bottoni, piumini, etichette interne, borse e 255 euro in contanti.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Sistema la spesa in auto e viene centrata da una jeep in retromarcia: morta un'anziana

  • Detenuto evaso a Roma, Vincenzo Sigigliano preso dopo 6 giorni di latitanza: era da una parente

  • Alessio Terlizzi morto in un incidente a Castel Fusano, al vaglio la dinamica del sinistro

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

  • Metro A chiusa ad agosto, terza fase dei lavori: niente treni tra Termini e Battistini

Torna su
RomaToday è in caricamento