Siccità, i Sindaci del lago di Bracciano chiedono il sequestro dell'impianto di captazione

Indice puntato verso l'impianto di captazione di Acea Ato2

Invocano trasparenza e controllo. I sindaci del lago di Bracciano, i presidenti del Consorzio e del Parco regionale di Bracciano e Martignano non si arrendono. Le condizioni del bacino lacustre sono tali, da chiedere l'intervento della magistratura. Per questo hanno puntato il dito contro l'impianto di captazione gestito da Acea Ato2 in località Pizzoprato. Alla Procura della Repubblica, si chiede di provvederne al sequestro.

L'ultima spiaggia: la Procura

La premessa, fanno sapere i sindaci ed il Consorzio, è che "da gennaio ad oggi sono state perseguite tutte le strade istituzionai possibili". Evidentemente senza ottenere i risultati sperati. Per questo, a fronte "del disastroso declino dell'ecosistema del lago", si èdeciso d'interessare un tribunale. Nella comunicazione diffusa a mezzo stampa, i sindaci dichiarano d'aver "costatato che ACEA ha captato acqua in violazione delle disposizioni contenute nella concessione di derivazione del 1990 sia in merito alla conservazione delle escursioni del livello del lago nell’ambito di quelle naturali e sia in relazione ai periodi di prelievo consentiti".

I dispositivi per bloccare la captazione

Sul piano tecnico, Sindaci e Consorzio spiegano che  "l’impianto di captazione di ACEA non è dotato di dispositivi automatici di blocco delle captazioni al raggiungimento dei limiti concessi". Inoltre  lo stesso impianto "non è dotato di un sistema di misurazione della quantità di acqua effettivamente captata con registrazione automatica ed inalterabile dei dati". Di fatto quindi "non ci è mai stata data possibilità di avere contezza sulle effettive quantità di acqua prelevata".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Emerso il venti per cento dei fondali

A fronte delle istanze mosse dai comuni di Trevignano, Anguillara e Bracciano, c'è un evidente danno che il lago ha subito. "E’ dal 1921 cioè da quando si è iniziato a misurare il livello del lago con continuità che non si registrano livelli come quelli attuali" si legge nella nota . Quanto ci vorrà a riportarlo alle condizioni in cui eravamo abituati a vederlo? "Nelle crisi precedenti, del 2003 e del 2008 il lago ha impiegato circa sette anni a tornare ai livelli di normalità". Oggi "si stima che circa il venti per cento dei fondali sia emerso. Il danno ecosistemico è palese". Alla procura ora il compito di esaminare la richiesta fatta pervenire dai Sindaci di Bracciano. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, morto a Roma 33enne: è la vittima più giovane nel Lazio

  • Coronavirus, nel Lazio 1728 casi: 17 decessi nelle ultime 24 ore. Tre cluster preoccupano la Regione

  • Coronavirus, 2096 casi nel Lazio: 46 nuovi positivi a Roma. Tre cluster fanno impennare il numero dei contagiati

  • Coronavirus, a Roma 38 nuovi casi. Nel Lazio 2505 i contagiati totali, oggi la metà dei morti rispetto a ieri

  • Coronavirus: 2362 positivi nel Lazio, 73 oggi a Roma. D'Amato: "Trend regionale in calo"

  • Coronavirus, 1901 casi positivi nel Lazio. A Roma trend dei contagiati in calo

Torna su
RomaToday è in caricamento