Ippodromo Tor di Valle: la nuova proprietà intima lo sgombero degli animali ed è emergenza

Il 1° giugno, la struttura che ospita 110 cavalli e circa una settantina tra cani e gatti, è passata nelle mani della nuova proprietà che ha intimato lo sgombero entro il 7 giugno. Il destino degli animali è adesso un'incognita

L’ippodromo di Tor di Valle ha ufficialmente chiuso i battenti il 30 gennaio e appare destinato a diventare il luogo dove sorgerà il nuovo stadio della Roma.  La struttura, rilevata da Luca Parnasi, ha cambiato proprietà il primo giugno, ma attualmente ospita ancora centodieci cavalli, una trentina di cani e circa quaranta gatti. Nonostante la presenza di questi animali, la nuova proprietà ha intimato lo sgombero entro il 7 giugno, creando così un allarme per i numerosi ospiti a quattro zampe.

L’APPELLO DELL’ENPA – L’ente nazionale di protezione degli animali ha lanciato un appello tramite il proprio sito a Gianni Alemanno e Ignazio Marino, impegnati nella corsa al Campidoglio, affinché intervengano con urgenza per trovare una soluzione al problema. L’invito è quello di dar seguito a quelle che potrebbero rimanere soltanto promesse elettorali.

Che fine faranno i più di cento cavalli di Tor di Valle? Davvero rischiano di finire per strada? L'abbiamo a Fabrizio Micarelli, della segreteria Regionale Slc-Cgil Roma e Lazio, che già in passato si è interessato delle vicende dell'ippodromo di Tor di Valle. "I cavalli non danno fastidio a nessuno, possono tranquillamente rimanere a Tor di Valle per qualche altro tempo. Anche per loro, come per i lavoratori dell'ippodromo è possibile auspicare un trasferimento all'ippodromo di Capannelle. Attorno a questa faccenda c'è molta disinformazione. Credo che quella sugli animali sia l'ultima di tante speculazioni che si fanno su Tor di Valle. Non è vero che le ruspe incominceranno i lavori il 7 giugno. Tra l'altro il progetto stadio della Roma non è ancora stato presentato ufficialmente, quindi i tempi sono ancora lunghi. Mi sembra che questa storia sia venuta fuori più che altro per infastidire e creare danni a quanti tengono e fanno allenare il proprio cavallo sulla pista di Tor di Valle".

Sul versante dei lavoratori invece quali novità ci sono? "Dopo l'esito del ballottaggio che deciderà il nuovo sindaco di Roma, avremo la necessità di riaprire un tavolo di trattative, sia esso con Alemanno o con Marino. La nostra priorità è l'occupazione, ottenere giustizia per i dipendenti dell'ippodromo di Tor di Valle accellerandone il trasferimento a Capannelle".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tor Bella Monaca, stroncata la piazza di spaccio del Principe: fruttava 200mila euro al mese

  • O' Principe di Tor Bella Monaca, spaccio h24 e vita in stile Gomorra: così la palazzina è diventata il suo fortino

  • Spari a corso Francia: ladri di Rolex si schiantano contro auto della polizia dopo inseguimento

  • Vede i ladri in casa dalle immagini video, arrestati dalla polizia fra gli applausi dei residenti

  • Terremoto a Roma: scossa ai Castelli Romani avvertita nella Capitale

  • Tragedia sulla Tuscolana: accusa malore nel negozio e muore

Torna su
RomaToday è in caricamento