Ostiamare-Lupa Roma: insulti razzisti all'arbitro, un 18enne finisce nei guai

Il giovane tifoso, al termine della partita del campionato di Serie D, è stato identificato e denunciato

Una serie di insulti razzisti rivolti all'arbitro, ripetuti dopo la partita di calcio tra Ostiamare e Lupa Roma. Protagonista dell'aggressione verbale ai danni del fischietto che aveva diretto la partita del campionato di Serie D allo stadio Anco Marzio, un 18enne romano, tifoso della squadra ospite. 

La partita, giocata domenica 10 febbraio, è terminata 3 a 3. I biancoviola, sotto di due gol e in superiorità numerica prima hanno accorciato le distanze e poi al quarto minuto di recupero hanno pareggiato il match. Il tifoso della Lupa Roma, forse non contento dell'arbitraggio, ha così iniziato ad insultare l'arbitro.

Dopo essersi avvicinato alla rete di delimitazione tra il campo da gioco e gli spalti, si è rivolto al direttore di gara, con frasi ingiuriose e denigratorie in buona parte connotate da offese razziali, dovute al colore della pelle del giudice.

Ladispoli: iinsulti alla Polizia, 5 anni di Daspo a ultras

Gli agenti del Commissariato Lido di Roma, intervenuti, hanno quindi identificato e denunciato il 18enne all'Autorità Giudiziaria, nonché presentata richiesta alla Divisione Anticrimine per l’emanazione del Daspo. E' stato denunciato in stato di libertà per minacce, aggravate dalla discriminazione razziale.

Un episodio che riporta alla memoria i fatti di San Basilio dove, lo scorso 11 novembre, a margine di una partita di calcio, giocata al Francesca Gianni, valevole per il campionato di Promozione, l'arbitro Riccardo Bernardini fu aggredito da un operaio romano di 34 anni, tifoso della Virtus Olympia. A salvarlo, tra gli altri, anche Yuri Alviti, un ex ultrà della Lazio che a RomaToday raccontò i fatti.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • frasi ingiuriose e denigratorie in buona parte connotate da offese razziali, dovute al colore della pelle del giudice

    E invece no, neanche per sogno. Le frasi razziste sono dovute alla misera mente bacata di un cretino che non ha ancora capito che siamo tutti uguali. Finché penseremo che gli insulti stupidi siano "dovuti" a un diverso colore di pelle, continueremo a raschiare il fondo del baratro culturale in cui siamo.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Via Collatina vecchia il giorno dopo l'incendio brucia ancora. Della Casa: "Atto criminale, pene severe"

  • Cronaca

    Incendio via Collatina vecchia, a febbraio lo sgombero poi l'area è finita abbandonata senza bonifica

  • Politica

    Via Collatina vecchia e l'abbandono prima dell'incendio: chiesti chiarimenti ad Ama per la mancata bonifica

  • Politica

    Salva-Roma, Lemmetti: "Senza interventi in parlamento, il bilancio rischia il crollo"

I più letti della settimana

  • È morto Massimo Marino, personaggio cult delle notti romane

  • Perde controllo dell'auto e si ribalta in una cunetta, tre feriti. Due sono gravi

  • 25 aprile a Roma: strade chiuse e bus deviati per il giorno della Liberazione

  • Marco Vannini, l'omicidio del giovane di Ladispoli in uno speciale de Le Iene. On line c'è chi rimorchia con la sua foto

  • Miracolo al binario 14: infarto dopo corsa per prendere il treno, 33enne salvato a Termini

  • Valmontone: scontro auto-moto, due feriti. Una è la moglie di Cerci

Torna su
RomaToday è in caricamento