Suv travolge ciclisti: un morto. Donna denunciata per omicidio stradale

Prima è fuggita con l'auto senza prestare soccorso, poi si è costituita in caserma. La vittima dell'incidente, avvenuto su via Aurelia, è un 76enne morto in ospedale dopo la corsa in eliambulanza

Le manovre di rianimazione e la volata in ospedale con l'eliambulanza non sono bastate. Per Roberto Giacometti, 76 anni, non c'è stato niente da fare. Ha perso la vita sulla sua bicicletta da corsa, dopo essere stato falciato da un Suv. Era insieme ad altri tre amici, quando un'auto li ha travolti su via Aurelia, al chilometro 17,8, nel tratto compreso tra Malagrotta e Castel di Guido, fuggendo via senza prestare soccorso. 

CACCIA AL PIRATA - Inizialmente identificata dalle forze dell'ordine con un jeep Cherokee, poi con una Dacia Duster di colore bianco, le pattuglie del gruppo Aurelio della Polizia Locale e quattro motociclette del Git (Gruppo Intervento Traffico), intervenuti sul sinistro, hanno battuto il territorio a caccia dell'auto pirata. L'intera zona è stata passata al setaccio per ore, finché la proprietaria non si è costituita. 

DENUNCIA PER OMICIDIO STRADALE - Una donna, B.D. 52 anni romana, risultata intestataria del veicolo, si è recata di sua spontanea volontà presso la caserma dei Carabinieri di Montespeccato per raccontare l'accaduto. E' risultata negativa ad alcol e drug test e al momento risulta denunciata per omicidio stradale. E' il primo caso in Italia. Ricordiamo che la legge è entrata in vigore lo scorso 25 marzo e prevede sensibili aumenti di pena anche per il caso del conducente che non si ferma a prestare soccorso. 

GLI ALTRI FERITI - Degli altri tre ciclisti che erano insieme alla vittima, uno è rimasto pressocché illeso, un altro, 68 anni, ha riportato varie escoriazioni, un altro ancora, 71, una commozione cerebrale e una lesione causata da un raggio della ruota conficcato nella gamba. Anche loro sono stati soccorsi e portati in ospedale. E proprio mentre un'ambulanza era in procinto di raggiungere il San Camillo è rimasta coinvolta in un altro incidente, sempre sull'Aurelia. Un motociclista è stato portato via dalla stessa ambulanza in codice giallo. 

I NUMERI - Nel 2015, sono 155 i ciclisti rimasti feriti in modo serio in incidenti stradali a seguito dei quali auto o moto coinvolte si sono date alla fuga. Sempre nel 2015, in Italia, diciannove ciclisti sono morti in incidenti provocati da "pirati della strada". Nel 2014 i ciclisti uccisi furono 24, a fronte di 145 ricoveri. Ne dà notizia l'Associazione amici della polizia stradale (Asaps), responsabile di un osservatorio sui casi di pirateria nelle strade italiane.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciopero a Roma: tram, bus e metro a rischio lunedì 24 febbraio. Orari e fasce di garanzie

  • Perde zainetto sul bus e lancia appello: "Offro ricompensa a chi lo trova. Ci sono documenti medici"

  • Sala scommesse come base e armi per il recupero crediti: lo spaccio violento di Pierino la Peste, er Mattonella e Ciccio

  • Investito da un'auto mentre attraversa il Raccordo Anulare, morto un uomo

  • Roma-Lido, tre stazioni chiuse e tratta limitata per due weekend: attivi bus navetta

  • Incidente sul Lungotevere Michelangelo, scontro auto scooter: morto un uomo

Torna su
RomaToday è in caricamento