I Carabinieri piangono Andrea Maida, il musicista travolto sulla sua bici su via Salaria

Il luogotenente dell'Arma aveva 53 anni. Il cordoglio di colleghi, amici e familiari

Andrea Maida (foto profilo facebook)

Era un musicista della banda musicale dell'Arma dei Carabinieri il ciclista morto nell'incidente stradale avvenuto ieri, martedì 4 dicembre, sulla Salaria. Si chiamava Andrea Maida ed aveva 53 anni. Luogotente dell'Arma, era residente a Civitella San Paolo, piccolo Comune della provincia nord di Roma, e stava percorrendo la SS4 in sella alla sua bici quando è stato investito da un'auto. 

Nato in provincia di Caltanissetta, il maresciallo Andrea Maida suonava il clarinetto nella banda musicale dell'Arma che proprio lo scorso 8 dicembre aveva acceso le luci del Natale nel Centro di Roma. Sposato, lascia due figli. Increduli colleghi, amici e conoscenti per la morte del 53enne.

In particolare l'incidente stradale in cui ha trovato la morte il luogotenente dei carabinieri è avvenuto intorno alle 15:00 di ieri. Secondo quanto ricostruito dagli agenti della Polizia Stradale di Rieti che stanno terminando gli accertamenti scientifici per ricostruire l'esatta dinamica del sinistro, Andrea Maida stava pedalando sulla Salaria in direzione Fiano Romano. All'altezza del chilometro 0+350 della Strada Statale 4 è stato investito da un'auto condotta da un romano di 43 anni che viaggiava nella stessa direzione. Violento l'impatto ed inutili i soccorsi da parte dell'ambulanza del 118, il 53enne è deceduto sul posto.

Andrea Maida (foto profilo facebook) 1-2

Diplomato al Conservatorio di Musica di Palermo, la sua pagina facebook si è trasformata, una volta appresa la notizia della sua perdita, in luogo di ricordo e cordoglio. Decine i messaggi lasciati da amici e colleghi. "Grande amico mio - scrive Peppe Cacioppo - ero orgoglioso di te quanti ricordi passati da giovani suonando, mi mancheranno le tue battute nel gruppo vecchi musicisti Trabia, disgraziati era per dirci vi voglio bene e noi ci scherzavamo tutti. Adesso da lassu veglia per la tua famiglia che e rimasta nel dolore e su tutti i tuoi Amici". 

Ed ancora: "Caro Andrea, ci ho messo un po' a realizzare quanto ti è accaduto e non so se ci sono effettivamente riuscito... Solo pochi giorni fa parlavamo dei progetti che avevi per la tua Junior Band ed oggi non ci sei più. Lasci un vuoto incolmabile - scrive Davide Santonastaso - non solo per la tua famiglia ma per un'intera Comunità. Fiano non dimenticherà la tua passione per la musica e la bici, come non dimenticherà il tuo impegno costante nella scuola e per i bambini. Un grande uomo che ha sempre speso se stesso per gli altri, con un'allegria ed un'energia contagiose. Sei stato e rimarrai sempre il mio "pifferaio" preferito".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • R.I.P., anche se mettersi sulla Salaria significa giocarsela a dadi col destino... tra traffico, buche e automobilisti indisciplinati.

    • In bicicletta intendevo, ovviamente

  • e il guidatore cone si giustifica? mal e di zio ne!!!!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Lazio-Eintracht: piazza del Popolo vandalizzata, tensione con la polizia. Fermati 5 ultras

  • Politica

    Cassonetti pieni e bolletta più cara, rivolta social contro l'aumento della Tari firmato Raggi

  • Politica

    Campidoglio, si dimette la direttrice del dipartimento Ambiente Rosalba Matassa

  • Politica

    Incendio Tmb Salario: Frosinone, Aprilia e Viterbo salvano Roma. Ma è rivolta dei sindaci

I più letti della settimana

  • Blocco traffico Roma: 8, 9, 10 dicembre stop ai veicoli più inquinanti

  • Metro A: guasto agli impianti, chiuse le stazioni Barberini e Spagna

  • Ubriaco perde il controllo dell'auto e finisce sulla scalinata di piazza di Spagna

  • Incendio via Salaria: bruciano i rifiuti del TMB, nube di fumo su tutta Roma

  • Blocco traffico Roma: domani stop ai veicoli più inquinanti ed ai diesel euro 3

  • Incidente sul Raccordo Anulare: scontro tra scooter e furgone in corsia d'emergenza, un morto

Torna su
RomaToday è in caricamento