Marta Di Febo morta in un incidente: l'infermiera di Volterra si era trasferita da poco a Roma

La 40enne è deceduta in seguito ad un sinistro in tangenziale. Il cordoglio dell'Azienda Azienda USL Toscana nord ovest

Immagine di repertorio

Il suo lavoro e la sua umanità hanno lasciato un segno indelebile nei colleghi che hanno lavorato con lei ma anche nei pazienti che aveva avuto in cura. C'è ancora incredulità per la morte di Marta Di Febo, l'infermiera 40enne deceduta in seguito ad un incidente stradale avvenuto sulla tangenziale di Roma alle prime luci del mattino di domenica 7 luglio. 

Residente a Volterra, sposata e madre di due bimbe, Marta Di Febo era tornata a Roma dopo aver lavorato diversi anni nel Comune della provincia pisana. Stimata infermiera al nosocomio dello stesso Comune toscano, appresa la notizia dell scomparsa della donna, che avrebbe compiuto 41 anni il prossimo 12 di novembre, fra i primi ad esprimere vicinanza ai familiari i colleghi dell'Azienda USL Toscana nord ovest che "esprime il proprio cordoglio per la tragica scomparsa in un incidente stradale avvenuto ieri mattina a Roma di Marta Di Febo, 41 anni, infermiera che fino a pochi mesi fa aveva lavorato all'ospedale Santa Maria Maddalena di Volterra".

"Di Febo, grande professionista, impeccabile nel lavoro e con un ottimo rapporto coi colleghi aveva prestato la sua opera nei reparti di Chirurgia, Medicina e Blocco Operatorio prima di trasferirsi a Roma per ricongiungersi alla famiglia. Da pochi giorni - scrive ancora l'Azienda USL Toscana nord ovest - era stata raggiunta anche dal marito, Alessandro Borrello anche lui in forza per diversi anni alla Chirurgia di Volterra prima del trasferimento all'ospedale di Civitavecchia".

"Al marito Alessandro, alle due bambine giungano le condoglianze da parte della direzione aziendale e di tutti i colleghi dell’ospedale di Volterra che hanno avuto modo di apprezzarne le doti umane e professionali"

Cordoglio e vicinanza anche dall'ex Sindaco di Volterra Marco Buselli: "Oggi (ieri ndr) ci ha lasciato una collega infermiera, brava e solare. Una tragedia senza parole che colpisce tutto l'Ospedale di Volterra, dove lei ha lavorato, ma anche la comunità volterrana, che la conosceva. Un pensiero al marito, alla famiglia e agli amici che lascia. Ciao Marta"

"La Asl Roma 4 espirime il suo cordoglio per la perdita prematura della moglie del Dott. Alessandro Borrello, endoscopista della Asl Roma 4 in servizio dal 1 luglio, deceduta a Roma in seguito ad un grave incidente stradale. la Direzione Aziendale si stringe con affetto intorno ad Alessandro e alla sua famiglia".

L'incidente stradale in cui ha trovato la morte l'infermiera 40enne è avvenuto poco dopo le 6:30 di domenica 7 luglio sulla Tangenziale est. In particolare Marta Di Febo ha perso il controllo dello scooter Honda KF04 che stava conducendo sulla Nuova Circonvallazione Interna, in direzione San Giovanni, poco dopo l'uscita della galleria. 

Qui, per cause ancora in via di accertamento, l'infermiera è caduta in seguito a quello che secondo i primi rilievi sembra essere stato un incidente autonomo. Sul posto per accertare l'accaduto gli agenti del II Gruppo Sapienza della Polizia Locale di Roma Capitale.

Sono comunque in corso ulteriori indagini per verificare l'eventuale coinvolgimento di altri mezzi, anche grazie alla analisi delle immagini che verranno acquisite dalle telecamere. La galleria è rimasta chiusa il tempo necessario per consentire le operazioni. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

  • Salvini a Roma: in 40mila in piazza per il leader della Lega. Strade chiuse e bus deviati

  • Incidente sul Raccordo: auto ribaltata allo svincolo Centrale del Latte, Irene cerca testimoni

  • Insegue scooterista e lo travolge con l'auto, poi le minacce: "Se non ti ho ammazzato oggi lo farò domani"

Torna su
RomaToday è in caricamento