Ciclista morto investito da un pullman, sit in con candele e bici per Luigi. "Il limite a 30Km/h non salva vite"

Luigi Santo Gervasi, 61 anni, stava raggiungendo il posto di lavoro alla Banca d'Italia quando è stato investito mortalmente. E' la 149esima vittima sulle strade di Roma

Foto di Michelangelo Alimenti, attivista del movimento Salvaciclisti

Candele e biciclette. Poi lunghi, infiniti, attimi di silenzio. Così il gruppo di Salvaciclisti, ieri a Roma, ha voluto ricordare Luigi Santo Gervasi, 61 anni, morto investito mentre in bici raggiungeva il posto di lavoro, alla Banca d'Italia. La tragedia si è consumata nelle prime ore della mattina di giovedì 6 dicembre [qui la notizia completa].

Luigi, che faceva il portiere, è la 149esima vittima sulle strade di Roma. Il terzo morto in un incidente che vede coinvolto un pullman dopo quelli in cui persero la vita Caterina Pangrazi, in corso Vittorio Emanuele, l'altro in cui in vice Prefetto Giorgio De Francesco morì investito da un pullman turistico. Entrambi a piedi. Luigi, invece, era in bicicletta. 

Raggi: "Nuove regole dal 2019 per i pullman a Roma"

Una dinamica ancora da chiarire quella in cui è morto il sessatantunenne. In strada, alle 5:45 circa, era ancora buio quando Luigi Santo Gervasi è stato travolto dal pullman di una società che effettua il trasporto di passeggeri agli aeroporti di Fiumicino e Ciampino. Dai primi accertamenti sembrerebbe che l'uomo fosse appena sceso dal marciapiede per attraversare la strada quando è stato travolto dal bus diretto alla stazione Termini. 

Il conducente, che era da solo a bordo, avrebbe raccontato di non essersi accorto di nulla. Poi dopo alcuni metri ha sentito il rumore causato dalla bici che stava trascinando. Così si è fermato e ha capito cos'era successo. L'impatto non ha lasciato scampo al ciclista, mentre la sua bici, rimasta agganciata al mezzo, è stata trascinata una decina di metri. Inutili i soccorsi.

Via Salaria, scontro con un mezzo Ama: muore un ciclista

candele biciclette via Merulana2-2

"Non sarà certo un cartello con il limite a 30Km/h a salvare una vita, ma prima di tornare a casa mi sono sentito in obbligo di rimetterlo nel verso giusto, così com'era non serviva di certo", si legge in un post di Michelangelo Alimenti, attivista del movimento Salvaciclisti che ieri era tra via Manzoni e via Merulana, con altri, sul luogo della tragedia. "Sarei potuto essere io", aggiunge. 

Valentina morta investita in via Satrico: era in bici

"Percorro quel incrocio tutti i giorni e, nonostante sia in centro e spesso presidiato dai vigili, è pericolosissimo. Attraverso sempre al semaforo come un pedone, scendo proprio dalla bici e ho paura pure da pedone. Il problema è il buio. L'illuminazione è del 1800, non si vede niente", dice Rosa. "Noi ciclisti, a Roma, siamo come i pedoni. Non tutelati. Siamo solo bersagli mobili", è il pensiero di Luca.

candele biciclette via Merulana1-2

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (10)

  • Perchè, a via labicana qualcuno va a 30? neanche gli autobus!

  • Ovviamente dispiace per Luigi e mi unisco al dolore della famiglia. Non entro nel merito della dinamica di questo incidente, ma troppo spesso i ciclisti sono scevri dal rispetto delle regole stradali. L'unica soluzione è targa,casco ed assicurazione obbligatoria per tutti i ciclisti, almeno durante la settimana x chi usa la bici come mezzo di trasporto.

  • Raggi muta. Ti devi vergognare

  • Vedo quotidianamente ciclisti andare sulla via Aurelia e su altre vie pericolose alla loro incolumità. Le poche piste ciclabili o parchi non vi piacciono? 

  • Vedo quotidianamente ciclisti andare sulla via Aurelia e su altre vie pericolose alla loro incolumità. Le poche piste ciclabili o parchi non vi piacciono?

  • le vie di Roma non sono per ciclisti

    • Purtroppo è vero. Così come va assolutamente vietato attraversare la strada, meno che mai sulle strisce pedonali. Ognuno viva sul suo marciapiede di residenza. Per chi va in auto, segno della croce. C’e Sempre un furgone dalle traiettorie improvvise e tutta una serie di idioti dalle facili inversioni di marcia.

  • Provate ad attraversare (sulle strisce!) via Merulana alle 8 di mattina, orario in cui girano decine di studenti.... Anche li prima o poi arriverà la triste notizia, purtroppo.

  • Purtroppo tanti errori sia da parte di conducenti di auto e mezzi pesanti ma spesso anche di ciclisti . Città ancora non pronta per infrastrutture .

  • il limite a 30km lo sanno anche i muri, non verrà mai rispettato. Occorre educazione stradale (sin dai primi anni scolastici) e soprattutto rispetto per il prossimo, in una giungla d'asfalto come quella capitolina, dove coloro che hanno il mezzo più potente e più grosso sfrecciano a tutta velocità, noncurante del pericolo in cui incorrono (verbo non fu più adatto) per mostrare le loro doti di guida, e dove pedoni (non il caso come sovra) attraversano, tuffandosi in strada, dagli anfratti più nascosti e distratti dai loro smartphone (meglio rispondere all'ultima notifica di fb o whats app, che badare alla loro vita)

Notizie di oggi

  • Elezioni

    Amministrative 2019, si vota il 26 maggio: tutto sui principali comuni della provincia di Roma

  • Cronaca

    Stuprata dal branco, il Questore di Roma revoca licenza al Factory Club

  • Sport

    "Che te ridi regazzì? So felice, ho la maglia della Roma": la commovente lettera di De Rossi

  • Cronaca

    Trigoria: abusi su baby calciatori, le molestie in auto fuori dal centro sportivo

I più letti della settimana

  • Lo sciacallo della Tiburtina incastrato da un tatuaggio: "Ora perderò il posto di lavoro?"

  • Pesciolini d'Argento: cosa sono, come si formano e i segreti per eliminarli

  • Tor Pignattara: cadavere trovato in strada, è morto Saor il trapper di Centocelle

  • Fridays for Future e comizi elettorali: domani strade chiuse e bus deviati

  • Ciclista investito, ucciso e derubato su via Tiburtina: preso lo sciacallo

  • Ciclista morto su via Tiburtina, sciacalli rubano il portafogli e prelevano 500 euro

Torna su
RomaToday è in caricamento