Incidenti stradali: due ciclisti investiti in un'ora a Roma

Una terza pedalatrice soccorsa con l'eliambulanza dopo essersi scontrata con un'auto nella zona di Pomezia

L'incidente su Ponte Salario (foto BiciRoma)

Mattinata nera per i ciclisti romani con due pedalatori coinvolti in altrettanti incidenti stradali nell'arco di un'ora. Due investimenti che si sommano ad un terzo sinistro, avvenuto sempre nelle prime ore di giovedì 29 novembre, ma in provincia di Roma. 

In particolare nella Capitale il primo incidente stradale è avvenuto intorno alle 8:30 su via delle Valli (il cosiddetto Ponte della Valli che collega Conca d'Oro al Quartiere Africano). Qui, in direzione piazza Gondar, un ciclista è rimasto coinvolto in un sinistro con un motociclista. Ad avere la peggio lo scooterista, trasportato al Policlinico Umberto I in codice giallo, meno grave il pedalatore, medicato in codice verde all'ospedale Sandro Pertini. 

Circa un'ora dopo (alle 9:30) poco distante si è verificato un altro incidente stradale che ha visto coinvolti una bici ed un'auto, una Opel Astra. L'impatto fra i due mezzi è avvenuto su via Salaria, altezza Ponte Salario. Ad avere la peggio il pedalatore, affidato alle cure dell'ambulanza del 118 e medicato all'ospedale Sandro Pertini.

Da accertare la dinamica dei due incidenti, in entrambi i casi i rilievi scientifici sono stati eseguiti dagli agenti del II Gruppo Nomentano della Polizia Locale di Roma Capitale.

Sempre in mattinata un terzo incidente ha coinvolto una ciclista a Pomezia. Ben più gravi le condizioni della donna in questo caso, con la pedalatrice venuta a contatto con un'auto in via Campo Selva, zona Campo Ascolano (qui la notizia). Ferita gravemente per la ciclista è stato necessario l'intervento dell'eliambulanza che l'ha trasportata d'urgenza in un ospedale romano in codice rosso. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (25)

  • Sandro a cosa devo fare attenzione che vui dire devo fare attenzione a te a cosa fammi capire..

  • Timone fai attenzione !

  • Con le bici a Roma in mezzo alla strada non ci si può andareeeeeeeeeee!

  • Basta con queste c.... de bici sono ignoranti e padroni della strada io quando li vedo per strada se loro si tolgono bene senno non me importa niente tanto ho l’assicurazione..

    • Condivido. Le papere quando escono riescono ad andare in fila,non capisco xke non riescono a farlo anche i ciclisti. Forse le papere sono piu intelligenti???

  • in effetti è vero, auto e moto non fanno zig e zag tra le corsie,usano sempre gli indicatori di direzione e rispettano le precedenze all incrocio e di limiti di velocità...infatti gl incidenti tra auto e moto sono rarissimi. ci vuole senso di responsabilità sempre e con chiunque alla guida e non persone che sparano sentenze qualunquiste

  • Stanno sempre in mezzo alle pXXXXe! invece di ciclare in fila indiana a destra, sono arroganti e si mettono tassativamente in mezzo e se ti "azzardi" a suonare gentilmente, ti mandano affXXXXo! ma andatevene a vivere il verde al parchetto tra gli uccellini e non rompete in città!

    • e ancora ci chiediamo perchè Roma versa in quedte condizioni? persone come questa o quel timone, che dispensano minacce anche su un normalissimo giornale, descrivono benissimo la situazione di prepotenza vissuta dai romani e giustifica il proliferare della criminalità, dove vige il più forte o chi ha la macchina più grande...è proprio per gente come voi che all’estero dobbiamo vergognarci di essere italiani!

    • spero un giorno che tuo figlio si trovi sotto una degli stessi luoghi comuni scritti qui sopra. poi ne riparliamo

      • Tua madre è sempre incinta? poverina....

      • Ti auguro anche io ke tutta la tua famiglia vengano travolti in gruppo da un tir e ti sveglino nella tarda notte la polizia x la notizia. Gli XXXYXYi tigri da tastiera la madre cornuta sempre incinta. Ti amo.

    • Ecco 'n altro genio al passo coi tempi...

      • Guido...co sto nome hai detto tutto. Te rispondi da solo.

        • Hai scritto un mucchio di luoghi comuni e cavolate, effettivamente è meglio rispondersi da solo che rispondere al nipote coatto di Bruce Lee.

          • Ti amo. Tua madre è incinta di nuovo?

  • ...ma allora il vero XXXYXYe non è quello che con auto e moto, vuole passare prima della bicicletta fregandosene se cade ma il ciclista che la guida...teoria interessante e quindi, per lo stesso motivo, chi guida un camion considera XXXYXYi gli automobilisti ? se guidichi gli altri significa che usi i mezzi pubblici ? oppure sei uno che se ne frega e basta ?

  • A Roma esistono ancora ymbecilly che continuano ad andare in bicicletta. Non hanno ancora capito che è una città inadatta alle bici, però continuano ad andarci. Poi, dopo, fanno le vittime.

    • I veri Ymbecilly anacronistici sono quelli che non si muovono se non in auto, in tutte le grandi città evolute e civili si promuove la ciclabilità per tantissimi ovvi motivi, qui invece la si boicotta. Mettete il naso fuori Roma ogni tanto, potreste anche imparare qualcosa, trogloditi.

      • io vado in maghina perchè in maghina posso sempre stare su Feisbuc e Wazzap, posso fumare, faccio le puzze e mi piace sentire che odore hanno e poi posso scaccolarmi, in bici nsepò

        • e buttare i rifiuti, csrtr di sigarette e mozziconi vari...e la macchina, w l’inquinamento e w l’inciviltà!

      • Gli ymbecilly sono anche quelli che continuano ad andare in bici dove è problematico farlo. Io vado a piedi, autobus o automobile. Mai in bici. Proprio mettendo fuori il naso da roma si capisce che Roma è inadatta per farlo! Troglodita sei tu!

        • Se è problematico andare in bici la colpa è degli altri utenti della strada (w anche di molti ciclisti) che non rispettano le regole. Non è certo colpa della città.

          • No, non è sempre così. Quando dicono che la città è strutturata in modo tale da rendere problematico l’uso della bici è vero. I quartieri più recenti sono forse più consoni. Per quel che riguarda la maleducazione ed il mancato rispetto delle norme stradali, quello è da ambo le parti.

  • 20 anni vissuti all’estero per lavoro e avrò visto 5 incidenti mortali in tutto...tornato a Roma da un anno e la statistica dice 169 morti sulle strade nel 2018...e ce la prendiamo con il governo/raggi? i romani( me compreso) sono tra i popoli più incivili che io abbia mai visto. Vivo in una zona residenziale, frequentata da gente “per bene” eppure ogni mattina rischio la vita nell’attraversare sulle striscie con mio figlio! e parliamo di gente per bene....ogni minuto che passo qui mi vergogno di essere romano e di questa città.

    • Giusto. Il fatto è ke siamo tornati indietro culturalmente e civilmente. Siamo nella piena inevoluzione. Manca il rispetto per il prossimo, il senso del pericolo, la consapevolezza ke le proprie azioni egoiche possano danneggiare il prossimo. In beve...ci crediamo eterni e ke tutto ci è permesso!

Notizie di oggi

  • Elezioni

    Amministrative 2019, si vota il 26 maggio: tutto sui principali comuni della provincia di Roma

  • Cronaca

    Stuprata dal branco, il Questore di Roma revoca licenza al Factory Club

  • Sport

    "Che te ridi regazzì? So felice, ho la maglia della Roma": la commovente lettera di De Rossi

  • Cronaca

    Trigoria: abusi su baby calciatori, le molestie in auto fuori dal centro sportivo

I più letti della settimana

  • Lo sciacallo della Tiburtina incastrato da un tatuaggio: "Ora perderò il posto di lavoro?"

  • Pesciolini d'Argento: cosa sono, come si formano e i segreti per eliminarli

  • Tor Pignattara: cadavere trovato in strada, è morto Saor il trapper di Centocelle

  • Fridays for Future e comizi elettorali: domani strade chiuse e bus deviati

  • Ciclista investito, ucciso e derubato su via Tiburtina: preso lo sciacallo

  • Ciclista morto su via Tiburtina, sciacalli rubano il portafogli e prelevano 500 euro

Torna su
RomaToday è in caricamento