Incendio a Vigna Clara: arrestato inquilino del terzo piano, voleva suicidarsi

Il 48enne ha confessato di aver appiccato le fiamme per compiere l'estremo gesto

Il palazzo in fiamme a Vigna Clara

Ha confessato di aver appiccato le fiamme nel suo appartamento nel tentativo di suicidarsi. E' stato arrestato per il reato di incendio doloso il 48enne inquilino dell'appartamento al terzo piano dello stabile andato a fuoco in largo di Vigna Stelluti, a Roma nord. 

Le fiamme sono state appiccatte dall'uomo con l'incendio che è poi divampato rapidamente danneggiando altre abitazioni limitrofe. Necessario l'intervento dei vigili del fuoco che hanno evacuato il palazzo e tratto in salvo tre persone, due ragazze e proprio l'aspirante suicida, poi trasportato all'ospedale Santo Spirito in quanto intossicato.

 

Dopo aver appiccato l'incendio era stato proprio il 48enne a chiedere aiuto dopo essersi rifugiato sul balcone. Sottoposto alle domande degli investigatori di polizia, ha confessato il tentativo di suicidio messo in atto poco dopo le 8:30 di mercoledì 5 febbraio, quando aveva appiccato le fiamme in piu' punti dell'appartamento. 

A causa del fumo, ha perso la vita un cane di piccola taglia, un maltese, che si trovava al quinto piano del palazzo di Vigna Clara interessato dall'incendio.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Romanzo Criminale di Primavalle: le confessioni di Abbatino e "Accattone" risolvono 4 omicidi

  • Salvatore Nicitra, il boss con la pensione d'invalidità: così l'ex della Banda della Magliana è diventato il re di Roma Nord

  • Manifestazione contro i vitalizi, Sardine in piazza e Lazio-Inter: bus deviati e strade chiuse nel week end

  • Investito da un'auto mentre attraversa il Raccordo Anulare, morto un uomo

  • Incidente in via Tiburtina, scontro tra camion e auto: morto un uomo. Grave il figlio

  • Incidente in via Laurentina, auto si scontra con un camion: morta una donna

Torna su
RomaToday è in caricamento