Incendio rifiuti: 23enne sorpreso a bruciare elettrodomestici e materassi

Le indagini dei Carabinieri proseguono per verificare se agisca per conto di 'svuota cantine' che si offrono di recuperare rifiuti ingombranti senza seguire le procedure di smaltimento

Stava bruciando dando fuoco a rifiuti speciali pericolosi all'interno di un'area demaniale in zona Tor de' Cenci. Un giovane di 23 anni, di origini serbe, è stato però sorpreso dai Carabinieri, in transito su via Pontina, che lo hanno arrestato. E' successo ieri all'altezza civico 607.

I militari hanno notato una colonna di fumo, provenire dal terreno dove già in passato erano stati segnalati roghi tossici, hanno immediatamente raggiunto l'uomo e chiamato i Vigili del Fuoco. 

Il 23enne, già con precedenti e gravitante presso il campo nomadi di Castel Romano, era giunto lì con un furgone dal quale stava ancora scaricando rifiuti solidi di ogni tipo, tra cui carcasse di elettrodomestici, materassi e materiale ferroso, che gettava sul cumulo di rifiuti già a fuoco. Ammanettato, il giovane è stato accompagnato in caserma, in attesa del rito direttissimo che si terrà questa mattina presso le aule di piazzale Clodio.

Il video dell'intervento dei Carabinieri

Le indagini dei Carabinieri proseguono per verificare se il 23enne arrestato agisca per conto di 'svuota cantine' senza scrupoli che a buon prezzo si offrono di recuperare rifiuti ingombranti senza seguire le procedure di smaltimento previste per legge.  

POMEZIA - I Carabinieri intervenuti sul luogo dell'incendio (2)-2

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma: portato al Pertini per un controllo scappa. Caccia all'uomo: elicottero in volo

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Sistema la spesa in auto e viene centrata da una jeep in retromarcia: morta un'anziana

  • Alessio Terlizzi morto in un incidente a Castel Fusano, al vaglio la dinamica del sinistro

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

  • Detenuto evaso a Roma, Vincenzo Sigigliano preso dopo 6 giorni di latitanza: era da una parente

Torna su
RomaToday è in caricamento