Incendio rifiuti nel Parco dei Castelli Romani: giardiniere e compagna ripresi dalle telecamere

Grazie ad alcune telecamere posizionate ad hoc e a servizi di appostamento durati giorni e giorni, i Carabinieri hanno colto i due in flagranza di reato

Sono stati sorpresi all'interno del Parco dei Castelli Romani mentre alimentavano le fiamme appiccate su un cumulo di materiale di risulta da lavori di giardinaggio appena compiuti.

Sono finiti così in manette un giardiniere romeno di 40 anni e la sua convivente-aiutante, anche lei romena di 31 anni, entrambi incensurati, accusati di incendio e incendio boschivo in concorso.

Ad arrestarli sono stati i Carabinieri ùdi Rocca Priora che stavano monitorando la zona dove sono stati pizzicati gli incendiari a seguito di alcuni episodi analoghi registrati nello stesso punto dell’area boschiva protetta ricadente nel Parco dei Castelli Romani.

Grazie ad alcune telecamere posizionate ad hoc e a servizi di appostamento durati giorni e giorni, i Carabinieri hanno colto i due giardinieri in flagranza di reato, facendo scattare le manette ai loro polsi.

Il 40enne è stato portato nel carcere di Velletri mentre per la sua compagna si sono aperte le porte della Sezione Femminile del carcere di Rebibbia.

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Sciopero, a Roma lunedì 16 settembre a rischio i bus in periferia

  • Morto in un incidente sulla Tangenziale est, sbalzato dalla Smart e investito da un pullman

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 14 e domenica 15 settembre

  • La Lazio e la passione per le moto: Finocchio e Borghesiana piangono Daniele, il giovane morto in un incidente stradale

  • Ragazza impiccata al parco giochi, il ritrovamento dopo una notte di ricerche. Il racconto del custode

Torna su
RomaToday è in caricamento