Cassonetti incendiati a Roma: 50 contenitori distrutti. Ostia, Tuscolano e Tiburtino le zone più colpite

Il bilancio lo fa Ama in seguito di incendi tra la fine del 2018 e il Capodanno 2019. Bagnacani: "Gli incendi arrecano un danno economico e logistico ai romani"

Immagine di repertorio

Sono circa 50 i contenitori stradali, per la raccolta differenziata e per i materiali non riciclabili, "danneggiati in modo irreparabile e resi non fruibili" a seguito di incendi tra la fine del 2018 e il Capodanno 2019. Questi i primi riscontri sulla base dei rilievi tecnici effettuati in tutta la città di Roma dalle strutture operative AMA.

Tra i territori più colpiti da questo fenomeno figurano il IV, il VII e il X municipio. Due gli episodi nella notte tra il 29 e il 30 dicembre. Il primo fatto è andato in scena ad Ostia, in viale delle Repubbliche Marinare. Qui sul posto sono giunti i Vigili del Fuoco e i Carabinieri della locale stazione. Il secondo espisodio ha visto coinvolti altri due contenitori Ama, in via Casemiro Manassei, a pochi metri da viale dei Colli Portuensi.

Prima ancora in via Giovanni Angelini, nel tardo pomeriggio in via Ottaviano, in via Germanico, in via Lungrovia Bengasi e via del Grano. Poi ancora in via Lucrezia Romana e via Palasciano 63. Tutti episodi in cui la pista dolosa è più plausibile. Roghi a cui si sommano gli episodi di Capodanno

L'ipotesi principale è che i romani si siano stancati di avere strade e marciapiedi pieni di rifiuti. Ma c'è anche il sospetto, da parte di chi indaga, che gli incendi possano aver avuto un'unica mano o di una serie di piromani. In tutti i casi rilevati, Ama ha già sporto o sta per sporgere denuncia alle Autorità di Pubblica Sicurezza.

Squadre dedicate di Ama provvederanno al più presto a sostituire i cassonetti bruciati che però, essendo catalogati come rifiuti combusti, necessitano di particolari procedure di rimozione. In attesa del posizionamento di contenitori nuovi, il personale delle zone coinvolte è allertato e Ama programmerà servizi mirati per evitare disagi ai cittadini. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Gli incendi ai danni di strutture e attrezzature al servizio della raccolta dei rifiuti – dichiara il Presidente di Ama Lorenzo Bagnacani – costituiscono un fenomeno estremamente grave e dannoso per l’intera collettività, che stiamo cercando di contrastare in tutti i modi, d’intesa con l’amministrazione di Roma Capitale. Voglio ringraziare i Vigili del Fuoco, che sono intervenuti su segnalazione dei nostri preposti o di cittadini attenti, evitando in taluni casi danni più gravi. Atti di vandalismo, gratuiti e irresponsabili, oltre a mettere a rischio la sicurezza del personale Ama, arrecano un danno economico e logistico ai romani, per cui assicuriamo la nostra più totale collaborazione alle Autorità di vigilanza e controllo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dopo il lockdown: ecco in quali quartieri sono aumentati di più i contagi

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

  • Coronavirus, a Roma 17 nuovi contagi. Positivo bimbo di un anno a Civitavecchia

  • Coronavirus, a Roma e provincia sei bambini positivi in 10 giorni

  • Coronavirus: a Roma 14 nuovi casi, 19 in totale nel Lazio. I dati Asl del 6 luglio

Torna su
RomaToday è in caricamento