Incendio Ciampini: "Nessun ritardo nei soccorsi". Polemica sul numero unico 112

Riglioni segretario per Roma del Conapo, il sindacato autonomo dei vigili del fuoco respinge le accuse su possibili ritardi nell'intervento: "Smentiamo ogni polemica"

Fa discutere la tragedia avvenuta ieri, a piazza san Lorenzo in Lucina, dove un 45enne è rimasto ucciso a seguito di un incendio esploso nel bar Ciampini. A perdere la vita un dipendente del bar rimasto intossicato e morto all'ospedale Santo Spirito, pochi minuti dopo il suo arrivo.

L'INCENDIO - In un seminterrato del bar, ci sarebbe stata una piccola fiammata che ha innescato l'incendio. Quindi le fiamme e il fumo che hanno intossicato l'uomo. Ancora da chiarire le esatte dinamiche. Il fumo, arrivato fin dentro il locale posto, ha dato vita ad un fuggi-fuggi generale. I clienti e due dipendenti si sono messi in salvo. Per il 45enne filippino, invece, non c'è stato nulla da fare.

IL RACCONTO - Sul posto carabinieri e vigili del fuoco. Tra i primi a dare la notizia l'avvocato ed ex deputato Giulia Bongiorno che intorno alle 11.30 ha scritto un tweet per raccontare l'esplosione, il fumo e la paura a San Lorenzo in Lucina. La stessa Bongiorno su twitter racconta: "Pompieri coraggiosissimi ma quando ho chiamato mi han fatto interrogatorio passandomi due persone Perché perdere tutto questo tempo?". 

NESSUN RITARDO NEI SOCCORSI - Una situazione, quella della gestione delle emergenze, che Rossano Riglioni segretario per Roma del Conapo spiega così: "Non c'è stato nessun ritardo da parte dei vigili del fuoco intervenuti e siamo pronti a ogni verifica. Piuttosto è da tempo che chiediamo si faccia luce sulla gestione del numero unico di soccorso 112 a Roma, istituito come un call center gestito dalla Regione senza la presenza di operatori dei vigili del fuoco e delle forze di polizia con un meccanismo che vanifica il concetto di pronto intervento".

POLEMICHE SUL NUMERO UNICO - "Da mesi le polemiche sono all'ordine del giorno per i ritardi e per le lunghe telefonate cui vengono sottoposti i cittadini che segnalano emergenze", spiega il segretario del sindacato autonomo dei vigili del fuoco che da tempo chiede una "gestione della sala operativa del NUE 112 con presenza interforze".

Un appello rilanciato dal Conapo proprio su Twitter e rilanciato dalla stessa Bongiorno: "Da dicembre se hai un urgenza ti passano un centralino e solo dopo i soccorsi. Così si muore nell' attesa", ha commentato l'avvocato.

Potrebbe interessarti