Scarica acque reflue non depurate nel canale, sequestrata lavanderia industriale

Prosegue l’attività di controllo volta a reprimere violazioni in materia ambientale da parte della Capitaneria di Porto di Roma

Nell’ambito di un intensa attività di vigilanza e controllo a tutela dell’ambiente marino e costiero il Nucleo Operativo Polizia Ambientale della Guardia Costiera di Roma, congiuntamente al personale della Polizia Metropolitana di Roma ed ai tecnici dell’Arpa Lazio ha effettuato un controllo presso una “lavanderia industriale” nel Comune di Fiumicino.

Durante l’accertamento, i militari hanno sorpreso l’impianto industriale che sversava in un adiacente canale di bonifica liquido schiumoso di colore bianco.

Dalle operazioni compiute congiuntamente al personale dell’Arpa Lazio è stato verificato che l’impianto industriale immetteva abusivamente acquee reflue non sottoposte ad alcun tipo di trattamento depurativo, e quindi altamente inquinanti.

L’attività in parola ha portato al sequestro penale dell’impianto e l’amministratore unico della società è stato deferito all’Autorità Giudiziaria di Civitavecchia. Sono in corso ulteriori accertamenti per l’individuazione di ulteriori, eventuali illeciti in materia ambientale. 

1..-16-10

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Raggi: stop a tutti i concorsi pubblici a Roma

  • Sparito da sei mesi viene trovato mummificato nel vano areazione dell'ospedale

  • Tragedia nella Metro A, morto un uomo investito da un treno alla stazione Manzoni

  • Sciopero, oggi a Roma metro e bus a rischio per 24 ore: tutte le informazioni

  • Via Pontina, precipita con la Smart dalla rampa e muore sul colpo. Gli amici lo ricordano sui social

  • Blocco traffico Roma: domenica 23 febbraio niente auto nella fascia verde

Torna su
RomaToday è in caricamento