homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Grandine a Roma: dalla Cassia a Garbatella strade imbiancate

Piazzale dei Navigatori imbiancata

Pochi minuti. Tanto è bastato per riempire Roma (e i social network) di grandine. Sono da poco passate le 11.20 quando sulla città, da Nord a sud, si scatena un violento temporale. Una perturbazione attesa. Non è pioggia però, bensì grandine, o meglio quello che gli esperti definiscono graupel. Una precipitazione intensa e veloce che ha imbiancato molte strade. Sono i cittadini a segnalare il fenomeno, fotografando le strade riempite di ghiaccio e condividendole sui vari gruppi di quartiere. Segnalazione a Roma Nord, all'Appio, a Garbatella, a Centocelle. 

Non sono mancati i disagi. Sulla Colombo molti automobilisti hanno addirittura fermato le auto ed atteso che il manto appena ghiacciato si sciogliesse. Sul raccordo si è formata, sul manto stradale, una poltiglia di ghiaccio che ha provocato qualche rallentamento. 

E' il graupel a provocare questi problemi. Si tratta di una precipitazione solida, costituita da granelli di ghiaccio bianchi e opachi, con un diametro compreso tra 2 e 5 mm; questi grani hanno forma sferica o conica e sono facilmente comprimibili; quando arrivano al suolo rimbalzano un poco e si sbriciolano facilmente. Il graupel si forma partendo dai fiocchi di neve che cadono soprattutto da nuvole come stratocumuli o cumulonembi, quando attraversano uno strato relativamente caldo d'atmosfera, vicino al punto di fusione: allora i fiocchi non si sciolgono, ma si "arrotolano" su loro stessi e, per questo, conservano spesso tracce della struttura originaria del fiocco di neve. Questa precipitazione si osserva abitualmente quando la temperatura è leggermente superiore a 0 °C, spesso insieme a fiocchi di neve o gocce di pioggia nel corso di rovesci.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Incidenti stradali

      Incidente ad Ostia: scontro tra un bus ed un'auto, un morto e 4 feriti

    • Cronaca

      Da Monti a Campo de Fiori all'alcol ci pensano minimarket e gallerie d'arte

    • Cronaca

      Incendio in una Casa Vacanze: quattro persone trasportate in ospedale

    • Cronaca

      Furio Camillo piange la famiglia Pedicone: lacrime e commozione pensando al piccolo Gabriele

    I più letti della settimana

    • Terremoto Amatrice: i nomi delle vittime

    • Terremoto Amatrice, morti sotto le macerie

    • Terremoto, nuova scossa avvertita anche a Roma: epicentro a Perugia

    • Roma, terremoto nel centro Italia: morti e feriti nel reatino. "Amatrice non esiste più"

    • Terremoto, in tanti vogliono fare i volontari: tutte le informazioni

    • Terremoto, Colli Aniene piange la piccola Fabiana

    Torna su
    RomaToday è in caricamento