menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnysuncloudwhitecloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfograinlightblackcloudsleetsnowcelsius

Celebrazioni breccia Porta Pia: zuavi pontifici senza i fucili rubati nel bus

Conclusa la rievocazione storica al Gianicolo per il 142esimo anniversario della presa di Roma. Alemanno: "Li risarciremo"

Gli zuavi pontifici, che dal Belgio hanno raggiunto Roma per partecipare alle celebrazioni del 142/mo anniversario della breccia di Porta Pia, non hanno potuto sfoggiare stamani i loro fucili storici. Durante la rievocazione storica al Gianicolo, sotto il monumento a Giuseppe Garibaldi, che fa parte degli eventi organizzati per l'anniversario della presa di Roma, hanno indossato i caratteristici berretti rossi ma erano disarmati. E questo perché i fucili sono stati rubati dal pullman nel quale sono stati costretti a lasciarli non potendoli portare, secondo quanto si è appreso, all'interno dell'albergo nel quale alloggiavano. Si tratta di 25 fucili, non idonei a sparare e alcuni dal valore storico, che rappresentano le armi con le quali gli zuavi pontifici, provenienti da Francia, Belgio e Olanda, difesero lo stato Pontificio. "Si sta indagando - ha spiegato il sindaco di Roma Gianni Alemanno - per capire cosa sia successo. Ho già detto agli zuavi che se non si ritrovano li rimborseremo. Comunque sono armi innocue".

CELEBRAZIONI - Nonostante l'imprevisto La staffetta dei Bersaglieri è giunta sotto il monumento di Giuseppe Garibaldi, segno della notizia dell'Unità d'Italia che si diffonde. Oggi, ad accoglierli c'era anche il sindaco di Roma Gianni Alemanno che ha donato loro una medaglia del Natale di Roma. Come in ogni ricorrenza, anche nel 142esimo anniversario della breccia di Porta Pia, è stato acceso il tripode al monumento a Giuseppe Garibaldi, in contemporanea con il colpo di cannone di mezzogiorno. Le note della fanfara hanno concluso la manifestazione che rientra nel calendario organizzato da Roma Capitale. Tra le truppe in costume spiccavano i berretti rossi degli zuavi pontifici che difesero lo Stato Pontificio. "Con la celebrazione della breccia di porta Pia - ha detto Alemanno - ricordiamo le nostre radici. Inoltre è un modo per onorare un bellissimo corpo militare, quello dei Bersaglieri".(Ansa)

Potrebbe interessarti


    Commenti (10)

    • Grande aledanno ennesima figura de xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxa

      • se Roma è piena di delinquenti ed è diventata una pattumiera di feccia la colpa è di chi è più in alto del sindaco.. con questo non voglio difenderlo perchè ha le sue enormi colpe...

        • E' allora che xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx vuoi dire? Spiegati o fai silenzio

          • se non capisci non è colpa mia

    • Bella figura, lo specchio della nostra città. Per celebrare quello che è stato l'inizio della fine... sè stava tanto bene cor Papa Re, dopo i Savoia e quell'altro bandito di Garibaldi ecco stà Repubblica. Bella roba...

    • Avatar anonimo di gian
      gian

      tanto che je frega, pagamo noi

    • „Ho già detto agli zuavi che se non si ritrovano li rimborseremo.“ E certo... quanno acchiappi acchiappi da solo, però quanno devi rimborsà allora rimborseremo... Tacci tua e de chi nun te lo dice co na mano arzata!!!!!! 

      • Tacci TUA!!!!

        • ahah!!

    • Che figura di M....da

    Più letti della settimana

    Torna su