Vampiro di energia ruba elettricità dal contatore centrale, aveva disattivato quello di casa nel 2016

A finire in manette un uomo di 46 anni arrestato dai carabinieri ai Castelli Romani

Immagine di repertorio

Aveva manomesso il suo contatore da tre anni rubando energia direttamente da quello centrale. Per questo un uomo di 46 anni, di Marino, è stato arrestato nel corso di un sopralluogo effettuato dai Carabinieri della Stazione di Rocca Priora unitamente a personale della società che eroga l’energia elettrica.

In particolare i militari dell'Arma hanno constatato che il contatore di energia elettrica era stato manomesso e i cavi erano stati collegati direttamente alla rete di distribuzione nazionale. Il contatore manomesso risultava inattivo dall’agosto del 2016. Sono in corso accertamenti per risalire all’entità del danno subito dalla società elettrica.

Gli stessi carabinieri hanno inoltre notificato, ad un uomo romano di 45 anni, di Montecompatri, un ordine di esecuzione per la detenzione domiciliare, emesso dall’ufficio esecuzioni Penali, per violazione della legge sugli stupefacenti, poiché deve scontare la pena di 6 mesi presso la propria abitazione. 

Per la stessa violazione, ad un romano di 46 anni, già sottoposto agli arresti domiciliari, i militari hanno notificato un ordine per la detenzione domiciliare emesso dalla Corte d’Appello di Roma, poiché deve scontare 2 anni e 8 mesi di reclusione; ad un 38enne romano, agli arresti domiciliari, un ordine per la detenzione domiciliare emesso dall’ufficio esecuzioni Penali, poiché deve scontare 4 anni e 2 mesi di reclusione sempre per violazioni delle leggi sugli stupefacenti ed infine ad un cittadino nigeriano di 47 anni, sempre per violazione delle leggi sugli stupefacenti i Carabinieri hanno notificato un ordine di esecuzione per la carcerazione in regime di detenzione domiciliare emesso sempre dall’ufficio esecuzioni Penali di Roma. 

Infine, sempre ai Castelli Romani, i Carabinieri hanno notificato ad un cittadino romeno di 28 anni già sottoposto agli arresti domiciliari, un’ordinanza per la custodia cautelare in carcere, emessa dal Tribunale di sorveglianza di Roma, per le reiterate violazioni commesse dall’uomo e segnalate dai Carabinieri, ad un uomo italiano di 26 anni, un ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dall’Ufficio esecuzioni Penali sempre per violazioni leggi sugli stupefacenti. 

I due entrambi di Rocca di Papa, nullafacenti e con precedenti devono scontare, lo straniero la pena residua presso la casa circondariale di Velletri e l’italiano 5 anni sempre nel carcere di Velletri.

Nell’ambito del servizio sono state controllate complessivamente 168 persone, 126 veicoli, elevate 11 contravvenzioni al Codice della Strada, nonché 47 persone sottoposte agli arresti domiciliari nonché 5 assuntori di sostanze stupefacenti, segnalati alla competente Autorità.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma: portato al Pertini per un controllo scappa. Caccia all'uomo: elicottero in volo

  • Sistema la spesa in auto e viene centrata da una jeep in retromarcia: morta un'anziana

  • Incidente sul Raccordo Anulare: morto giovane agente immobiliare

  • Metro A, nuova fase dei lavori: per 6 giorni stop tra San Giovanni e Ottaviano

  • Donna trovata morta nei boschi: era a Fiumicino per il matrimonio della figlia

  • Ferragosto a Roma: gli eventi del 15 agosto per chi rimane o si trova in città

Torna su
RomaToday è in caricamento