Svuotava i distributori automatici all'interno de 'La Sapienza': arrestato

Il ladro aveva dichiarato di aver subito un incidente stradale e di non poter deambulare, ma è stato più volte notato e ripreso dal sistema di video-sorveglianza interno

Svuotava il denaro contenuto all'interno dei distributori automatici dell'Università 'La Sapienza', un giovane ladro è stato identificato e arrestato dalla Polizia di Stato.

MANCAVA IL DENARO - Diverse le mancanze di denaro denunciate nell'ultimo periodo dai gestori dei distributori automatici di bevande e alimenti all'Interno dell'Università La Sapienza. E così, a seguito di una breve indagine, gli agenti hanno individuato il responsabile.

USAVA UN PIEDE DI PORCO – Il ladro, utilizzando un piede di porco in ore serali o notturne, riusciva a danneggiare il lucchetto del distributore prelevando tutto il denaro contenuto all’interno. Il ragazzo, identificato, è stato sottoposto alla misura dell'Obbligo di firma presso gli uffici del Commissariato Università.

MISURA AGGRAVATA - E' di ieri però l'aggravamento della misura cautelare nei suoi confronti. Infatti, pur avendo dichiarato di aver subito un incidente stradale e di non poter deambulare, il giovane è stato più volte notato e ripreso dal sistema di video-sorveglianza interno, camminare normalmente e guidare la propria autovettura. Per lui sono scattati quindi gli arresti domiciliari.  

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma: portato al Pertini per un controllo scappa. Caccia all'uomo: elicottero in volo

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Sistema la spesa in auto e viene centrata da una jeep in retromarcia: morta un'anziana

  • Alessio Terlizzi morto in un incidente a Castel Fusano, al vaglio la dinamica del sinistro

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

  • Metro A chiusa ad agosto, terza fase dei lavori: niente treni tra Termini e Battistini

Torna su
RomaToday è in caricamento