Rubavano denaro con la tecnica del phishing: presa la banda dei venditori ambulanti

Il gruppo criminale era riuscito ad incassare e a trasferire su conti all'estero profitto per 150mila euro

Rubavano dati dei conti bancari di ignari correntisti per poi versare il denaro nelle loro casse e girarlo all'estero attraverso il Money Transfer con la tecnica del phishing. A sgominare la banda gli investigatori del Compartimento di Polizia Postale e delle Comunicazioni di Roma a seguito di una segnalazione di Poste Italiane, con cui sono stati indicati vari episodi di phishing ai danni di numerosi correntisti francesi. Sette gli arresti.

VENDITORI AMBULANTI - Per diversi mesi, gli investigatori della Polizia Postale hanno lavorato per ricostruire la rete dei collegamenti tra titolari di conti correnti sui quali si faceva transitare il denaro fraudolentemente ottenuto attraverso una massiva campagna transazionale di phishing, ed i vari beneficiari dei bonifici. Ne è venuto fuori un gruppo di 7 venditori ambulanti di etnia magrebina da anni residenti a Viterbo, che dopo avere acquisito il denaro proveniente da conti correnti francesi “hackerati”, lo facevano transitare su conti correnti “di appoggio” di Poste Italiane, all’uopo attivati, per poi parcellizzarlo attraverso decine di monetizzazioni presso sportelli postamat di tutto il Lazio, e trasferirlo definitivamente in Marocco attraverso Money Transfer.

SETTE ARRESTI - L’attività del gruppo è andata avanti indisturbata per diversi mesi, fruttando illeciti profitti per  circa 150.000 euro. La scorsa notte gli agenti del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni di Roma e quelli della Sezione Polizia Postale di Viterbo, coordinati dal Servizio Centrale, hanno eseguito i provvedimenti dell’Autorità Giudiziaria a carico dei 7 maghrebini, ponendo fine al lucroso business illecito.
 
IL PHISHING - Il phishing è una truffa informatica che permette di carpire, attraverso un'e-mail, i dati di accesso personali alla propria banca online. Ecco come avviene. Arriva nella casella di posta elettronica un'e-mail che sembra provenire dalla vostra banca e vi dice che c'è un imprecisato problema al sistema di "home banking". Vi invita pertanto ad aprire la home page della banca con cui avete il conto corrente gestito via web e di cliccare sul link indicato nella mail.

USER E PASSWORD - Subito dopo aver cliccato sul link, si apre una finestra su cui digitare la "user-id" e la "password" di accesso all'home banking. Dopo pochi secondi, appare un'altra finestra che informa che, per assenza di collegamento, non è possibile la connessione. A questo punto qualcuno è entrato in possesso dei vostri dati e può effettuare operazioni dal vostro conto. Il raggiro consiste nell'acquisire user-id, password, nome dell'istituto di credito ed eventuali altri dati immessi dall'utente.

I CONSIGLI DELLA POLIZIA - Ecco i consigli per evitare il phishing: non cliccare mai su link di e-mail (o di sms) che sembrano arrivare da servizi o che promettono offerte speciali chiedendo dei dati personali o quelli della carta di credito. Nel dubbio, meglio andare in modo autonomo sul sito dell’azienda e verificare l’esistenza della promozione, controllando l’indirizzo del sito in questione. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Concordato Atac, Comune in coda ai creditori: il sì alla delibera pesa 500 milioni di euro

  • Cronaca

    Trascina una donna nell'androne di un palazzo e prova a violentarla

  • Politica

    Incendi, arriva l'ordinanza: multe salate a chi non taglia l'erba. Ma il primo inadempiente è il Comune di Roma

  • Cronaca

    Folle inseguimento a Pomezia: prima la lite tra automobilisti, poi il lancio di sassi dai finestrini

I più letti della settimana

  • Incidente via di Boccea: si scontrano taxi e scooter, morto un 43enne

  • L'Atac sospende Micaela Quintavalle: la pasionaria paga l'intervista a le Iene

  • Eventi nel week end a Roma: strade chiuse e deviazioni sabato 19 e domenica 20 maggio

  • Omicidio Ostia, per i medici era infarto e non aggressione. "Milon è stato ucciso due volte"

  • Notte dei musei a Roma: sabato 19 maggio l'arte resta accesa

  • Soffocato da un wurstel: muore bambino di 4 anni, dopo 5 giorni il piccolo Davide non ce l'ha fatta

Torna su
RomaToday è in caricamento