Rubavano denaro con la tecnica del phishing: presa la banda dei venditori ambulanti

Il gruppo criminale era riuscito ad incassare e a trasferire su conti all'estero profitto per 150mila euro

Rubavano dati dei conti bancari di ignari correntisti per poi versare il denaro nelle loro casse e girarlo all'estero attraverso il Money Transfer con la tecnica del phishing. A sgominare la banda gli investigatori del Compartimento di Polizia Postale e delle Comunicazioni di Roma a seguito di una segnalazione di Poste Italiane, con cui sono stati indicati vari episodi di phishing ai danni di numerosi correntisti francesi. Sette gli arresti.

VENDITORI AMBULANTI - Per diversi mesi, gli investigatori della Polizia Postale hanno lavorato per ricostruire la rete dei collegamenti tra titolari di conti correnti sui quali si faceva transitare il denaro fraudolentemente ottenuto attraverso una massiva campagna transazionale di phishing, ed i vari beneficiari dei bonifici. Ne è venuto fuori un gruppo di 7 venditori ambulanti di etnia magrebina da anni residenti a Viterbo, che dopo avere acquisito il denaro proveniente da conti correnti francesi “hackerati”, lo facevano transitare su conti correnti “di appoggio” di Poste Italiane, all’uopo attivati, per poi parcellizzarlo attraverso decine di monetizzazioni presso sportelli postamat di tutto il Lazio, e trasferirlo definitivamente in Marocco attraverso Money Transfer.

SETTE ARRESTI - L’attività del gruppo è andata avanti indisturbata per diversi mesi, fruttando illeciti profitti per  circa 150.000 euro. La scorsa notte gli agenti del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni di Roma e quelli della Sezione Polizia Postale di Viterbo, coordinati dal Servizio Centrale, hanno eseguito i provvedimenti dell’Autorità Giudiziaria a carico dei 7 maghrebini, ponendo fine al lucroso business illecito.
 
IL PHISHING - Il phishing è una truffa informatica che permette di carpire, attraverso un'e-mail, i dati di accesso personali alla propria banca online. Ecco come avviene. Arriva nella casella di posta elettronica un'e-mail che sembra provenire dalla vostra banca e vi dice che c'è un imprecisato problema al sistema di "home banking". Vi invita pertanto ad aprire la home page della banca con cui avete il conto corrente gestito via web e di cliccare sul link indicato nella mail.

USER E PASSWORD - Subito dopo aver cliccato sul link, si apre una finestra su cui digitare la "user-id" e la "password" di accesso all'home banking. Dopo pochi secondi, appare un'altra finestra che informa che, per assenza di collegamento, non è possibile la connessione. A questo punto qualcuno è entrato in possesso dei vostri dati e può effettuare operazioni dal vostro conto. Il raggiro consiste nell'acquisire user-id, password, nome dell'istituto di credito ed eventuali altri dati immessi dall'utente.

I CONSIGLI DELLA POLIZIA - Ecco i consigli per evitare il phishing: non cliccare mai su link di e-mail (o di sms) che sembrano arrivare da servizi o che promettono offerte speciali chiedendo dei dati personali o quelli della carta di credito. Nel dubbio, meglio andare in modo autonomo sul sito dell’azienda e verificare l’esistenza della promozione, controllando l’indirizzo del sito in questione. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Politica

      Stadio della Roma, i proponenti sul vincolo del Mibact: "Pronti ad azioni legali"

    • Castelverde

      Papa Francesco a Villaggio Falcone: applausi e selfie in parrocchia

    • Cronaca

      Tufello: ferma N3 in strada, stacca tergicristalli e distrugge parabrezza del bus

    • Tiburtino

      Una tassa sulle processioni? Il Campidoglio: "Falso, avvieremo indagine interna"

    I più letti della settimana

    • Blocco traffico Roma 17 febbraio 2017: stop alle auto più inquinanti

    • Incidente a Tor Bella Monaca: donna investita da una moto, muore una 53enne

    • Incendio a Termini: brucia un appartamento, palazzo evacuato e persone intossicate

    • Pompieri in protesta a Montecitorio: "Ci chiamano eroi ma ci danno una paga da fame"

    • Incidente frontale tra due auto, morta maestra di religione

    • Esplosione a Velletri: fiamme in una palazzina di tre piani, tre feriti

    Torna su
    RomaToday è in caricamento