Salario, furto finisce male: l'impianto satellitare del suv smaschera i ladri

Uno dei due ladri era ricercato perché deve scontare una pena agli arresti domiciliari di un anno

E' stato l'impianto satellitare di un suv che stavano rubando a mettere nel sacco due ladri, romani, di 34 e 38 anni. I malviventi sono stati 'pizzicati', dagli agenti dei commissariati Salario e Villa Glori, giunti in un parcheggio vicino piazza Buenos Aries. 

Uno dei due ladri aveva iniziato a manomettere l'impianto elettrico con l'intenzione di istallare una centralina, poi sequestrata, che, bypassando i sistemi di sicurezza, avrebbe permesso ai ladri di avviare il veicolo. Ma qualcosa è andato storto e l'impianto satellitare del suv ha allertato le forze dell'ordine.

I due topi d'auto sono stai arrestati e condotti presso il commissariato Ponte Milvio. Dagli accertamenti sull’identità è emerso che uno dei due era ricercato perché deve scontare una pena agli arresti domiciliari di un anno per reati inerenti gli stupefacenti.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Salvini torna all'attacco della Raggi: "Regali non ne facciamo. Non ha controllo della città"

  • Incidenti stradali

    Piazza della Repubblica: tamponamento tra bus, feriti lievemente quattro passeggeri

  • Attualità

    Pasquetta nella Capitale, tra eventi in città e scampagnate fuori porta

  • Cronaca

    Accoltella la moglie al collo per gelosia davanti i figli piccoli, la donna in pericolo di vita

I più letti della settimana

  • È morto Massimo Marino, personaggio cult delle notti romane

  • Giustiniana, bimbo di 8 anni precipita dal quinto piano

  • Via Crucis al Colosseo: venerdì metro chiusa. Le strade chiuse e le deviazioni

  • Scuola: 18 istituti della Capitale restano aperti anche per Pasqua

  • Amazon apre a Settecamini: nuovo deposito smistamento a Roma, previsti 115 posti di lavoro

  • Doveva laurearsi ma non era vero, studentessa in fuga rintracciata su un treno a Firenze

Torna su
RomaToday è in caricamento