Funerali Diabolik al Divino Amore, 100 persone diranno addio a Fabrizio Piscitelli

L'accordo tra la famiglia Piscitelli e la Questura. La data ancora non è stata decisa ma le esequie dovrebbero essere celebrate entro la fine della settimana prossima

I funerali di Diabolik Fabrizio Piscitelli, l'ultras della Lazio ucciso con un colpo di pistola il 7 agosto scorso nel Parco degli Acquedotti, si terranno nella basilica del Divino Amore e potranno parteciparvi massimo 100 persone. Le esequie dovrebbero essere celebrate entro la fine della settimana prossima. Nella serata di ieri è stato raggiunto un accordo tra la famiglia del simbolo degli Irriducibili e la Questura di Roma dopo giorni di scontri e trattative. 

I funerali di Diabolik al Divino Amore

"Un funerale che accoglie la richiesta dei familiari che è quella di rispettare il dolore, il luogo sacro, il senso civico. Uscire da questa situazione surreale adesso ci permetterà di entrare davvero a contatto con la perdita e con la sua assenza. Ringrazio tutti per il sostegno e per la condivisione di quanto da noi richiesto", ha detto a RomaToday Angela Piscitelli, sorella di Diabolik. 

"Oggi per la prima volta c'è stato un incontro costruttivo e ci siamo sentiti accolti nella richiesta di poter celebrare i funerali di mio fratello", ha aggiunto la sorella dell'ultras laziale uscita dagli uffici San Vitale verso le 19.30, dopo oltre due ore di incontro, al quale ha partecipato anche Rita Corazza, la moglie di Diabolik.  

Le indagini sull'omicidio di Diabolik

Parco degli Acquedotti come luogo di pellegrinaggio per Diabolik

Nel frattempo il Parco degli Acquedotti è ormai diventato un luogo di pellegrinaggio. Fabrizio Piscitelli, uomo noto alle forze dell'ordine finito anche nelle carte di Mafia Capitale e nelle indagini della Finanza, agli occhi di molti, resta un mito. Quasi un "martire" e così la panchina che affaccia su via Lemonia è divenuta un simbolo. 

Video: il pellegrinaggio dei tifosi laziali

Parte delle corone di fiori portate presso la sede degli Irriducibili sono state trasferite nell'area verde del Tuscolano. Sotto lo striscione 'Diablo' si leggono, tra i tanti, gli omaggi dei Nuclei armati bianconeri (Nab), e anche di gruppi di estrema destra come CasaPound, d'altronde Piscitelli non aveva mai nascosto di essere "fascista, tra gli ultimi rimasti". A far da contorno le sciarpe dei tifosi laziali e i lumicini di Padre Pio in un contrasto tutto romano tra sacro e profano. 

diabolik-3

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tor Bella Monaca, stroncata la piazza di spaccio del Principe: fruttava 200mila euro al mese

  • Spari a corso Francia: ladri di Rolex si schiantano contro auto della polizia dopo inseguimento

  • Vede i ladri in casa dalle immagini video, arrestati dalla polizia fra gli applausi dei residenti

  • Terremoto a Roma: scossa ai Castelli Romani avvertita nella Capitale

  • O' Principe di Tor Bella Monaca, spaccio h24 e vita in stile Gomorra: così la palazzina è diventata il suo fortino

  • Tragedia sulla Tuscolana: accusa malore nel negozio e muore

Torna su
RomaToday è in caricamento