Frana a Subiaco, Comitato Aniene: "Evento prevedibile, negligenza e disboscamento le cause"

La strada verso i Monasteri è stata interrotta in seguito ad un importante evento franoso

La strada franata a Subiaco

"Un evento prevedibile, dovuto a negligenze e disboscamento". Non ci gira attorno Antonio Amati, Presidente Comitato Per l'Aniene, che punta il dito contro le cause che avrebbero determinato la frana della strada che collega Subiaco, Jenne, e Vallepietra, in alta Valle dell'Aniene. A venire giù la SP45a, con l'inevitabile chiusura della strada disposta dal km 0,50 al km 1 (altezza bivio per Le Prata). 

"La grossa frana che si è verificata nella notte tra domenica e lunedì ai piedi del monastero di santa Scolastica a Subiaco, è la conseguenza della sordità a molti campanelli di allarme che già da tempo risuonavano sparsi per il territorio. Molti gli episodi franosi che si sono verificati nel territorio del Comune di Subiaco ed in quelli circostanti, ma nulla è stato fatto per assicurare una prevenzione efficace di questi fenomeni". Chiosa Antonio Amati.

Una lunga nota stampa nella quale il presidente del Comitato per l'Aniene spiega: "Nella frana in questione, che per dimensioni surclassa quelle precedenti, addirittura sono state create le condizioni che la hanno causata: gli alberi che sostenevano la scarpata negli anni scorsi sono stati abbattuti, ed i loro ceppi emergono infatti dalla terra trascinata a valle. Anche il terreno, una volta ben terrazzato e coltivato, è stato abbandonato a sè stesso senza effettuare alcuna pratica di salvaguardia, con le conseguenze che sono sotto gli occhi di tutti. La frana che si era già verificata nello stesso punto, doveva mettere in guardia sui rischi che si correvano, ma invece non si è fatto nulla, e questa negligenza ha avuto questi risultati".

Oltre che per il disboscamento: "Anche il fosso che scorre accanto al monastero, già causa di un violento straripamento che causò una vera e propria invasione di fango ed acqua che si riversò a valle fino a giungere al centro abitato di Subiaco. Una sottovalutazione di una serie di fenomeni che non ha attenuanti". 

"Dalle elaborazioni del PAI per la redazione della Carta dell’Indice di franosità totale che misura la propensione al dissesto per classe litotecnica, il territorio comunale di Subiaco è caratterizzato da un elevato indice di franosità" si evince dal Piano di Emergenza Comunale redatto due anni fa da In-Time, una spin-off dell'Università di Tor Vergata per conto del Comune di Subiaco. Sempre nello stesso documento si apprende che "numerose aree di attenzione sono individuate sui versanti a monte della strada Sublacense ad est del centro abitato verso la zona dei Monasteri". 

"Ma nulla è stato fatto per prevenire questi fenomeni - prosegue Amati - come d'altronde nelle altre aree messe sotto la lente di ingrandimento da questo studio. Uno scenario preoccupante quello decritto nel Piano che avverte: "Per il Comune di Subiaco viene classificata a rischio elevato (R3) la zona abitata in località Cappuccini a partire dall’incrocio della Sublacense con via Fogazzaro in direzione Sud-Est mentre un’area a rischio medio (R2) è identificata in prossimità del ponte di Sant'Antonio sulle sponde del fiume Aniene".

Il presidente del Comitato per l'Aniene conclude un allarme: "Per il territorio in analisi risultano perimetrati nella Carta dell’Inventario dei fenomeni franosi: aree di attenzione per instabilità di versante collocate a monte della Strada Sublacense in uscita dal centro abitato fino all’incrocio con via dei Monasteri; orli di scarpate a monte di Via Poggio Verde (fenomeni attivi); diversi areali di franosità diffusa (fenomeni attivi) addensati nel quadrante sud occidentale del territorio comunale e per buona parte prossimi a zone a vario grado di antropizzazione"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per lo scenario di evento massimo, si ipotizza l’innesco di un evento di frana per scivolamento causato da precipitazioni di grande intensità e durata nell’area a rischio elevato. Gli elementi potenzialmente coinvolti sono: le abitazioni insistenti nell’area a rischio  e la strada SR411. "Lo smottamento - conclude Amati - genererebbe danni alle strutture residenziali, occupazione della carreggiata e danni all’infrastruttura stradale con conseguente interruzione dei collegamenti da e per Subiaco in direzione sudest". Alla luce di queste analisi ben illustrate dal Piano di Emergenza Comunale, appare evidente che occorre tirarlo fuori dai cassetti ed attuare un piano di prevenzione che impedisca il ripetersi di questi disastri, magari con conseguenze più drammatiche".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma: scuole, eventi, orari di bar e ristoranti. Tutto quello che c'è da sapere

  • Roma, dove ha colpito di più il Coronavirus? Ecco la mappa dei contagi nei municipi

  • Terremoto Roma: nella notte scossa di magnitudo 3, epicentro ad est della Capitale

  • Coronavirus: a Roma 54 nuovi positivi, si abbassa il trend dei contagi. Nel Lazio 3095 casi da inizio epidemia

  • Coronavirus: a Roma 39 nuovi contagiati, 4031 casi totali nel Lazio da inizio epidemia

  • Coronavirus, a Roma 45 nuovi contagiati: 3600 casi nel Lazio da inizio epidemia. "In continua crescita i guariti"

Torna su
RomaToday è in caricamento