Frana salita Castel Giubileo: terra e fango bloccano accesso al palazzo, 11 persone bloccate

Lo smottamento ha interessato una palazzina di 4 piani. Complicato l'intervento dei soccorritori

Il costone è franato su una palazzina sulla Salita di Castel Giubileo

Paura a Castel Giubileo a causa di una frana che ha interessato un palazzo di quattro piani, bloccando l'accesso dell'edificio. Lo smottamento intorno alle 5:30 di giovedì 16 gennaio sulla Salita di Castel Giubileo a Roma nord. 

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco con due Squadre (6/A e 10/A), i nuclei specialistici SAF e USAR e l’Autoscala, la polizia con le volanti e gli agenti del Commissariato Fidene Serpentara, la protezione civile, gli agenti del III Grupo Nomentano della Polizia Locale di Roma Capitale ed un'ambulanza del 118 a scopo precauzionale. 

Le operazioni di soccorso sono risultate alquanto difficoltose a causa dell’importante massa di terreno fangoso che ha franato. I soccorritori sono comunque riusciti a mettere in sicurezza gli undici occupanti che erano bloccati all’interno dei loro appartamenti.

A determinare lo smottamento la rottura di una conduttura idrica con conseguente perdita d'acqua. A parte la paura nessuno è rimasto ferito.

In attesa di successive verifiche sulla stabilità della palazzina e dell'area interessata dallo smottamento, l'immobile che si trova al civico 159 di salita Castel Giubileo è stato dichiarato inagibile.  

Gli agenti della Municipale hanno quindi fornito ausilio alle persone che necessitano di assistenza alloggiativa a seguito dello sgombero disposto dai vigili del fuoco. Si tratta di 4 appartamenti al momento non agibili con 11 occupanti.

Finora 7 di loro hanno manifestato necessità di alloggio alternativo e per i quali gli agenti del Nae della Polizia Locale, unitamente agli operatori della Sala Operativa Sociale del Comune di Roma, si stanno adoperando per le procedure di assistenza. 

VIDEO | Raggi: "Attivato protocollo hotel solidali" 

In relazione allo smottamento sono poi arrivate le dichiarazioni del presidente del III Municipio Montesacro Giovanni Caudo che in una nota scrive: "Una frana, questa mattina alle ore 5,40, ha occluso l'apertura di alcune abitazioni nella salita del Castel Giubileo. Sei alloggi sono stati dichiarati inagibili (uno dei quali disabitato), 11 persone sono state evacuate, 7 devono essere alloggiate in abitazioni alternative. Per loro, il servizio assistenza alloggi ha già individuato una soluzione. Nessuno è rimasto ferito".

La frana di parte del costone è stata probabilmente innescata da una perdita di acqua Acea – precisa Caudo -  che ha dilavato il costone durante la notte. Le abitazioni collocate in una zona a rischio frana sono ora interdette e sottoposte a vigilanza anti sciacallaggio. Un grazie alle forze dell'ordine, alla protezione civile e alla polizia locale del gruppo Nomentano III per il lavoro comune svolto e per avere prontamente operato e rassicurato gli abitanti". 

Nel corso della mattina, oltre al Presidente del Municipio, sul luogo della frana è quindi arrivata la Sindaca Virginia Raggi: "I vigili del fuoco e la protezione civile stanno svolgendo gli accertamenti. In questo momento è prematuro dare una descrizione, se non che questa mattina presto c'è stato lo smottamento della parte di un costone con il danneggiamento di alcune abitazioni". 

"Al momento le persone sono uscite da casa - ha proseguito Raggi -, stiamo attivando il protocollo Hotel solidali per ospitare da stanotte tutte le persone che non hanno una sistemazione alternativa. In questo momento non abbiamo maggiori informazioni".

La Sindaca ha poi sottolineato quanto l'amministrazione pentastellata stia facendo sulla questione del rischio idrogeologico: "Stiamo investendo molto sulla tutela e sugli interventi per preservare la nostra città dal rischio idrogeologico. Ricordiamo tutti gli interventi che stiamo facendo ai "Villini" in V Municipio per consolidare le cave sotterranee. Tutti interventi nei quali si è investito poco nel passato nono solo a Roma Capitale". 

"Purtroppo in Italia il tema del rischio idrogeologico è stato un po' sottovalutato negli anni scorsi. Mi sembra ci sia una inversione di tendenza. In questo momento ci stiamo focalizzando su questa situazione per cercare di creare il minor disagio alle persone e mettere in sicurezza l'area". 

"Ci sono una serie di cavità a Roma che sono state mappate - ha concluso Virginia Raggi - ci sono colli e colline sui quali c'è la progettazione d'intervento di consolidamento. I nostri Dipartimenti hanno un quadro abbastanza chiaro e definito. Si sta intervenendo e progressivamente recuperemo tanti anni di mancati interventi". 

Il presidente Caudo ha poi aggiunto: "Dei rilevatori laser per monitorare la stabilità del costone sovrastante le abitazioni. E’ quanto è stato deciso, poco fa, dopo il sopralluogo effettuato dai geologi della Protezione Civile di Roma Capitale. I controlli partiranno oggi stesso". 
 
"La sindaca Virginia Raggi  -
aggiunge Caudo - ha fatto un sopralluogo, incontrando le famiglie sfollate e rassicurandole sull'impegno di una soluzione alloggiativa il più prossima possibile alle loro case dichiarate inagibili. Perché ciò avvenga è importante rimuovere i detriti e mettere in sicurezza il costone. A tal proposito, è fondamentale accertare la proprietà del terreno e dell'edificio che sovrasta le abitazioni da cui è scivolato il fango e che dovrebbe essere di proprietà dell’INPS. Per accelerare i tempi di intervento, ho contattato l’Istituto chiedendo un intervento immediato. Il responsabile della gestione del patrimonio ha risposto effettuando subito un sopralluogo". 

"Come Municipio - conclude il Presidente del Montesacro - chiediamo che venga messo in sicurezza il costone rimuovendo il terreno che può provocare altre frane, che venga rimosso il fango che ostruisce l'ingresso alle case e venga data la possibilità alle persone di rientrare quanto prima nelle loro abitazioni"
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Comune di Roma assume, 1512 i posti a disposizione: ecco il concorsone

  • Blocco traffico, a Roma diesel fino a Euro 6 vietati anche venerdì 17 gennaio

  • Blocco traffico: a Roma oggi niente auto nella fascia verde, tutte le informazioni

  • Blocco auto: chi può circolare a Roma domani 19 gennaio

  • Bollo auto, sconti e nuova modalità di pagamento: cosa cambia nel 2020

  • Le mani della 'Ndrangheta su San Basilio: spaccio modello Scampia da 15.000 euro al giorno

Torna su
RomaToday è in caricamento