Fornivano marijuana ai pusher della provincia romana e favorivano immigrazione clandestina: 13 arresti

Due le organizzazioni criminali sgominate dai Carabinieri con la collaborazione della polizia inglese: il blitz scattato alle prime luci dell'alba

Parte della marijuana sequestrata dai carabinieri ad una delle organizzazioni criminali

Associazione per delinquere finalizzata ad agevolare l’immigrazione clandestina, traffico internazionale di stupefacenti e porto abusivo di arma da guerra. Sono due le organizzazioni criminali sgominate dai carabinieri che indagando nel mondo dei narcotrafficanti hanno scoperto un secondo sodalizio che favoriva l'arrivo in clandestinità in Inghilterra, via Italia, di cittadini albanesi. 

Il blitz è scattato quasta mattina quando i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Frascati, in Roma, Guidonia, Fonte Nuova, Chiavari, Novi Ligure e Pozzuoli, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa di misura cautelare personale emessa dal G.I.P. di Roma su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica Capitolina, nei confronti di 18 soggetti (di cui 11 in carcere, 2 agli arresti domiciliari e 5 all’obbligo di presentazione alla PG), ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di traffico internazionale di stupefacenti, porto abusivo di arma da guerra ed associazione per delinquere finalizzata ad agevolare l’immigrazione clandestina.

Il provvedimento scaturisce dagli esiti di una rilevante attività investigativa, condotta dai Carabinieri di Frascati, che ha permesso di disvelare l’esistenza di un’organizzazione - formata in gran parte da cittadini di etnia albanese – che gestiva il traffico di ingenti quantitativi di marijuana provenienti dall’Albania e destinati al mercato della Capitale

La base dell’organizzazione era dislocata in Italia, tra i comuni di Guidonia e Fonte Nuova, ed era gestita da soggetti albanesi che, sfruttando le conoscenze di altri connazionali già residenti da anni nel nostro Paese, si muovevano all’interno dell’intera provincia di Roma contattando i vari pusher con i quali perfezionavano gli accordi per la fornitura della sostanza stupefacente. Le indagini, che si sono avvalse anche delle intercettazioni telefoniche ed ambientali, hanno così consentito di individuare i vari acquirenti e di cristallizzare le diverse compravendite di marijuana da parte del sodalizio criminale.

VIDEO | Sequestrati 150 chili di marijuana ed un fucile AK47

Nel corso di uno dei servizi di pedinamento, è stato possibile, inoltre, sequestrare, al promotore del sodalizio, un ingente quantitativo di marijuana nonché un fucile mitragliatore AK 47 di fabbricazione estera, detenuto insieme ad altro materiale utilizzato per espletare l’attività illecita.

L’attività investigativa ha consentito, infine, di individuare i canali di approvvigionamento di sostanze stupefacenti che dall’Albania giungevano in Puglia, e, successivamente venivano trasportate, all’interno di autovetture, a Roma.

Nel corso delle indagini, è emersa l’esistenza di un altro sodalizio criminale, collegato al primo - formato da diversi soggetti albanesi e da un cittadino italiano residente in provincia di Napoli - ritenuti responsabili del reato di associazione per delinquere finalizzata ad agevolare l’immigrazione clandestina.

L’organizzazione faceva giungere in Italia cittadini albanesi sprovvisti di documenti, i quali, dopo essere stati accolti in bed e breakfast per alcuni giorni, venivano poi accompagnati in Inghilterra con un documento alterato.

In particolare, venivano utilizzati documenti intestati a cittadini italiani, sui quali veniva apposta la foto del soggetto interessato, somigliante per caratteristiche somatiche a quanto riportato sul documento. In Inghilterra, l’organizzazione si occupava, inoltre, di trovare una sistemazione al cittadino irregolare, il tutto dietro lauto compenso.

In tale ambito, grazie anche alla collaborazione della polizia inglese, è stato possibile riscontrare la tesi investigativa identificando una donna albanese che era giunta all’aeroporto di Londra utilizzando una carta d’identità intestata ad una cittadina italiana. Nel corso del controllo, è stato possibile grazie alle informazioni fornite alle autorità britanniche, identificare anche l’accompagnatore della donna, messo a disposizione dall’organizzazione.

Le indagini in parola, hanno già consentito di sottoporre a sequestro oltre 150 chili di marijuana e decine di dosi di cocaina ed eroina.

Nel corso delle fasi operative di questa mattina i Carabinieri hanno rinvenuto nell’abitazione di uno dei destinatari delle misure cautelari, 4 chili di marijuana, custodite all’interno di una valigia posta sul davanzale dell’abitazione e nel bagagliaio dell’auto 4 panetti di hashish da 100 grammi l’uno.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Ikea, apre un nuovo punto nella Capitale

  • Sciopero Cotral: venerdì 20 settembre a rischio il servizio extraurbano della Regione Lazio

  • Lavori al Colosseo: sabato 21 e domenica 22 settembre chiuse 13 stazioni della metro B

  • Tragico epilogo a Ponte di Nona: trovato il cadavere di Amina De Amicis, l'89enne scomparsa 6 giorni fa

  • In ritardo di due ore al primo giorno di scuola, le lacrime dei bambini sgomberati da Cardinal Capranica

Torna su
RomaToday è in caricamento