menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Simulano investimento e armati di coltello rapinano una donna

E' accaduto nella notte su via Prenestina. A finire in manette due malviventi di 24 e 21 anni. La vittima, in stato di choc, ha denunciato tutto alla Polizia

Hanno provato di tutto per rapinare una donna e farla franca, ieri notte su via Prenestina, ma non ci sono riusciti. A finire in manette due albanesi di 24 e 21 anni, arrestati dagli agenti del Reparto Volanti.

PARABREZZA FRANTUMATO - Tutto è iniziato durante consueti controlli notturni. I poliziotti, passando su via Prenestina, hanno notato un'auto con il parabrezza anteriore infranto e gli sportelli aperti che, alla vista della pattuglia, ha ripreso repentinamente la marcia. A bordo, due uomini ed una donna al posto di guida.  

FINTO INVESTIMENTO - Una volta fermata l'auto, i due uomini sono apparsi subito particolarmente insofferenti e, cercando di non farsi scorgere, hanno gettato in un cespuglio un telefono cellulare. 

A chiarire quanto accaduto poco prima è stata la donna che, in stato di choc, ha riferito agli agenti di essere stata appena rapinata dai due. I malviventi, infatti, erano saliti a bordo dell'auto dopo aver costretto la donna a fermarsi ponendosi davanti alla vettura mentre uno dei due saltava addirittura sul cofano infrangendo il parabrezza, con lo scopo di simulare un investimento.

LA RAPINA - L'incubo, però, era appena iniziato. Sotto la minaccia di un coltello, i due si erano fatti consegnare il telefono cellulare, quello poi gettato in terra al momento del fermo e recuperato dagli agenti, costringendo la donna a rimanere alla guida dell'auto. 

Condotti in commissariato, i due albanesi sono stati arrestati per rispondere di "rapina aggravata in concorso". Il più grande, quello di 24 anni, inoltre è risultato essere già "colpito da divieto di dimora nella Capitale".

Potrebbe interessarti

Commenti (6)

  • ma sappiamo tutti come finirà......rideranno e berranno alla faccia nostra cercando la prossima vittima. Grazie Stato

  • Ecco giunto il momento di espellerlo per sempre..con dolce rimpatrio a casa sua..coraggio ce la possiamo fare

  • divieto di dimora????...cacciatelo a calci in c...lo sto zozzo

  • Perché sprecare soldi in benzina. Una crociera nel punto più profondo del mediterraneo con due belle pietre legate ai piedi.

  • una bella TANICA no e?

    • lo troviamo qualcuno che porta i fiammiferi??

Più letti della settimana

  • Cronaca

    Meteo a Roma, forte vento sulla Capitale: allerta della Protezione Civile

  • Incidenti stradali

    Incidente in via Appia, motociclista contro auto: morto decapitato

  • Cronaca

    Omicidio a Prati: gestore di una vineria ucciso da un tassista

  • Cronaca

    Sciopero a Roma, il 31 maggio metro e bus a rischio

Torna su