Finti messi comunali per incastarare la latitante, così la polizia ha arrestato la ladra seriale

La 28enne era specializzata in furti in abitazione. La giovane è stata scovata fra le zone di Lanuvio e Campoleone

Si sono finti messi notificatori del Comune in cerca di un indirizzo preciso e, fingendo di non sapersi orientare nella zona, hanno richiamato l'attenzione di una giovane donna per chiedere informazioni. Così la polizia ha incastrato ed arrestato una ladra seriale latitante. Lo scrive LatinaToday. 

La ricercata, era specializzata in furti in abitazione, fin quando, dal suo arrivo in Italia nel 2011, si era legata a gruppi criminali. Il suo ruolo era quello di "palo" della banda.  Si presentava con un bell'aspetto e ben vestita e appariva quindi insospettabile e in più di un'occasione, all'arrivo delle forze dell'ordine, era riuscita ad avvertire i complici e a favorire la loro fuga.

Ma Florentina Catalina Matei, romena di 28 anni, è stata arrestata fra le province di Roma e Latina dagli agenti del commissariato di polizia in esecuzione di un provvedimento della Procura generale presso la Corte d'Appello di Roma.

La donna era latitante da alcuni mesi ed è stata localizzata in una zona rurale tra Lanuvio e Campoleone, fra le province capitolina e pontina, dove era arrivata, con ogni probabilità, per compiere sopralluoghi finalizzati a commettere altri furti in abitazione. Negli anni era ripetutamente evasa dagli arresti domiciliari e aveva cercato di sottrarsi dalla cattura nascondendosi in soppalchi e vani letto estraibili.

Questa volta però gli agenti, conoscendo la sua rapidità di movimento e la scaltrezza, hanno usato uno stratagemma. Si sono infatti finti messi notificatori del Comune in cerca di un indirizzo preciso e, finengendo di non sapersi orientare nella zona, hanno richiamato l'attenzione della giovane donna per chiedere informazioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non sospettando nulla la donna si è avvicinata ed è stata immediatamente bloccata e ammanettata per essere poi condotta nel carcere romano di Rebibbia, dove dovrà scontare almeno un anno di reclusione, in attesa di ulteriori future sentenze per processi ancora in fase di definizione per reati di furto aggravato, rapina ed evasione.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intervengono per sgomberare un appartamento abitato da un'anziana e trovano deposito d'armi

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus, a Roma 11 casi. In totale nel Lazio 14 nuovi contagi. I dati delle Asl

  • Sciopero a Roma: venerdì 10 luglio a rischio metro e bus, gli orari e le fasce di garanzie

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

Torna su
RomaToday è in caricamento