homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Roma - Real Madrid: lunghe file ai tornelli, scatta la protesta

Molti gli spettatori costretti ad entrare a partita in corso. I maggiori problemi in Curva Sud e Tribuna Tevere, sotto accusa il lavoro degli stewards

Immagine di repertorio

Una lunga fila che dai tornelli di accesso al Foro Italico arrivava sino ad oltre l'Obelisco. C'è amarezza fra le centinaia di tifosi che si sono trovati bloccati fuori allo Stadio Olimpico in attesa dei controlli con pre filtraggi e filtraggi attuati in occasione dell'incontro di Champions League giocato fra la Roma ed il Real Madrid. Lunghe file con "controlli lenti e macchinosi", come testimoniano alcuni spettatori costretti ad entrare, causa fila ai tornelli, anche a partita in corso. Le maggiori difficoltà dalla parte di piazza De Bosis, viale dei Gladiatori e viale delle Olimpiadi per gli ingressi ai settori Curva Sud e Tribuna Tevere.

STEWARDS LENTI - A creare il 'tappo', come spiegano quasi all'unisono molti degli spettatori costretti ad attendere in fila il loro turno per accedere all'impianto del Foto Italico: "Sono stati i controlli macchinosi messi in atto dagli stewards, le forze dell'ordine sono intervenute poco nelle azioni di prefiltraggio e filtraggio, chi controllava non ha saputo leggere la situazione ed ha attuato le perquisizioni come manuale insegna con inevitabili problemi per tutti quanti". 

55MILA SPETTATORI - Prefiltraggi e filtraggi lenti che insieme alla grande affluenza di pubblico di ieri sera hanno fatto il resto. Sono infatti stati circa 55mila gli spettatori che hanno assistito al match dell'Olimpico di ieri sera.  "Con un biglietto di Tribuna Tevere pagato 80 euro pretendo di trovarmi seduto prima dell'inizio del match - spiega amareggiato uno spettatore entrato in ritardo -. Il problema sono stati i controlli degli stewards lenti e impacciati. Non si sono resi conto che ieri non c'erano i pochi spettatori che si sono registrati in questa stagione. Io sono arrivato davanti l'Obelisco alle 19:30, oltre un'ora prima del match. Morale della favola mi sono perso i primi dieci minuti".

IL DEBRIEFING - In relazione alla situazione sulla sicurezza allo stadio Olimpico si è tenuto questa mattina in sede di debriefing un incontro davanti al questore Nicolo D'Angelo nel quale sono state messe in rilevo le positività e le criticità registrate in occasione della gara di Champions League  di ieri sera. "In primo luogo - scrive la Questura di Roma - è stato messo in luce come gli sportivi abbiano risposto in maniera positiva alle novità introdotte nel sistema di sicurezza dell’Olimpico, fornendo un comportamento esemplare sia durante i controlli che per tutta la durata della gara".

PREFILTRAGGIO - "Nella fase di prefiltraggio di alcuni settori dello stadio si sono registrate attese eccessive, sulle quali, già dalla prossima gara si interverrà con correttivi strutturali ed organizzativi per eliminare il disagio alle persone. La linea del rigore assoluto della Questura, d’intesa con la Prefettura, ha condotto alla decisione di allontanare dallo stadio un piccolo gruppo di tifosi spagnoli in evidente stato di ebbrezza. Due  spagnoli sono stati sottoposti al D.A.Spo  in quanto trovati in possesso di 5 petardi nei controlli pre-partita".

PETARDI IN CURVAN NORD - Stesso trattamento per "due giovani romanisti della Curva Nord, che avevano esploso dei petardi nella stessa curva;  sono stati individuati dal sistema di videosorveglianza, prelevati dall’interno del settore e sottoposti, direttamente allo stadio, al provvedimento. Nel corso delle attività di monitoraggio e di prevenzione a largo raggio è stato individuato ed identificato un gruppo di ultras nei pressi del ponte Duca d’Aosta,  radunatisi con il possibile intento di attuare forme di ritorsione nei confronti dei tifosi che hanno partecipato all’evento sportivo. Tutti sono stati allontanati. Quest’ultima circostanza - conclude la nota stampa della Questura di Roma - dimostra come sia ancora lungo il percorso di legalità che richiede la massima attenzione da parte delle Forze dell’Ordine, che continueranno a monitorare la situazione". 
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Il problema ce sempre stato io che sono abbonato molte volte sono entrato a partita iniziata anche quando non c erano partite di cartello.i prefiltraggi sono sempre chiusi all uscita e si forma sempre un imbuto.

    • ...beh se non hai notato nessuna differenza tra l'anno scorso e quest'anno dubito che tu sia abbonato!

  • dovete solo ringraziare che la gente è più intelligente di voi! e smettetela di trattarci come delinquenti, non lo siamo! La curva non si divide!!!!

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Porta Maggiore, scontro tra tram e treno della Termini Centocelle: 5 contusi

  • Politica

    La scure sui centri antiviolenza: "Sottratti fondi nel bilancio per 300mila euro"

  • Politica

    I guai del trasporto privato priorità a Cinque Stelle: Roma Tpl risponde in commissione

  • Politica

    Monteverde, la protesta: "Altri 200 migranti nella tendopoli della Cri"

I più letti della settimana

  • Porta Maggiore, scontro tra tram e treno della Termini Centocelle: 5 contusi

  • Incendio a Ciampino: brucia il ristorante La Patatona

  • Incendio Tangenziale, pullman in fiamme all'altezza di Portonaccio

  • Brucia Porta di Roma: incendio distrugge 30 ettari di Parco delle Sabine

  • Maltempo: lunedì a Roma pioggia, vento e grandinate

  • Sciopero Roma: martedì 26 luglio metro e bus a rischio

Torna su
RomaToday è in caricamento