“Vi ammazzo, vi butto giù dal palazzo”, figlio picchia madre e padre per soldi

Il 36enne ha continuato a minacciare i genitori anche dopo l’intervento della polizia

“Bravi avete chiamato le guardie, pensate che io ho paura?....Io vi ammazzo davanti a loro!! …E a te mamma ti butto giù dal balcone . Questa volta lo faccio veramente…”. Così un 36enne ha continuato a minacciare i genitori davanti la polizia dopo averli picchiati nella loro casa a Guidonia. E’ accaduto sabato mattina. 

L’uomo, un 36enne  di Tivoli con problemi di droga, ha minacciato il padre all’interno della loro abitazione colpendolo con un pugno all’orecchio destro e strattonandolo per un braccio fino a procurargli escoriazioni ed ecchimosi. Non contento però, quando ha terminato con lui,  ha iniziato con la madre dicendole che se non gli avesse dato 250 euro l’avrebbe picchiata.

Dopo la “sfuriata” è uscito di casa per poi farvi rientro poco dopo. Minuti preziosi per i genitori che, con coraggio,  si sono rivolti al 112 NUE per chiedere aiuto alla Polizia.

Sul posto, gli agenti della Polizia di Stato del commissariato Tivoli, diretto da Paola Di Corpo, hanno ascoltato il racconto dei due poveri genitori: aggressioni e minacce che perduravano da tempo e che per mancanza di coraggio non avevano mai denunciato.

Raggiunto il ragazzo in cucina , in evidente stato di agitazione e non curante della presenza degli agenti, ha continuato ad inveire contro la mamma proferendo testuali parole: “Bravi avete chiamato le guardie, pensate che io ho paura?....Io vi ammazzo davanti a loro!! …E a te mamma ti butto giù dal balcone . Questa volta lo faccio veramente…”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Accompagnato negli uffici di polizia il 36enne, con precedenti di polizia specifici ed attualmente sottoposto all’obbligo di firma, è stato arrestato per maltrattamenti in famiglia ed estorsione e su disposizione dell’Autorità Giudiziaria  e tradotto presso il carcere di Rebibbia.  I coniugi, dopo aver sporto denuncia, si sono recati autonomamente in ospedale per le ferite riportate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: positivi due minori della stessa famiglia, chiusi ristorante e centro estivo sulla Casilina

  • Coronavirus Roma, positivi al test sierologico dipendenti del Comune: martedì sanificazione degli uffici

  • Coronavirus: undici nuovi contagi nel Lazio, chiusi ristorante e centro estivo nella periferia est

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus, a Roma sette nuovi casi: undici in totale nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma città tre nuovi casi: trend in calo per i pazienti in terapia intensiva

Torna su
RomaToday è in caricamento