menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

“Sono caduto sui vetri”, poi la scoperta delle coltellate: indagini in corso

Il 42enne di Cinecittà si è presentato al Policlinico Casilino inventando una scusa. Poi la scoperta delle ferite d'arma da taglio al fianco e ad un braccio

Il 42enne si è presentato al Policlinico Casilino dove sono poi state scoperte le ferite d'arma da taglio

Si è presentato al Pronto Soccorso del Policlinico Casilino la notte dello scorso 11 febbraio: “Stavo camminando e sono scivolato a terra ferendomi con dei vetri di bottiglia”. A riferirlo ai medici del nosocomio di Torre Maura un 42enne residente a Cinecittà, che si è poi messo in attesa nell’ospedale per farsi medicare dai dottori.

FERITE D’ARMA DA TAGLIO - Atteso il suo turno l’uomo è stato quindi visitato dai medici del Policlinico della via Casilina che hanno subito appurato come i tagli fossero in realtà delle ferite d’arma da taglio, compatibili con un coltello. Medicato per due ferite al fianco ed al braccio sinistro, e dimesso con sette giorni di prognosi, inevitabile è stato l’arrivo dei carabinieri che prima che l’uomo uscisse dall’ospedale hanno provato ad appurare la veridicità delle sue dichiarazioni.

RESIDENTE A CINECITTA’ - Il 42enne, appartenente ad una famiglia di nomadi stanziali presente nella zona del Tuscolano e già conosciuto alle forze dell’ordine per reati inerenti le truffe, ha però confermato quanto riferito prima ai medici: “Sono scivolato su dei vetri”, non collaborando con i militari dell’Arma della Stazione Alessandrina arrivati al Policlinico Casilino. 

INDAGINI DEI CARABINIERI - Nonostante i carabinieri della Compagnia Casilina non possano "procedere d’ufficio", vista la prognosi di soli sette giorni, gli investigatori stanno comunque indagando al fine di ricostruire chi e perché abbia ferito il 42enne ed il motivo della sua reticenza a fornire l'esatta versione dei fatti. 
 

Potrebbe interessarti

Commenti (2)

  • Lasciatelo morire

  • Avrà fatto qualche infamità ,mo si c ha ragione so va a sgobba

Più letti della settimana

  • Cronaca

    Sara Di Pietrantonio, il fidanzato confessa: "L'ho uccisa io. Poi sono tornato a lavoro"

  • Cronaca

    Magliana: donna trovata morta semi carbonizzata vicino ad un'auto

  • A Roma ci piace

    Le 10 migliori gelaterie di Roma: ecco tutti gli indirizzi

  • Cronaca

    Rissa tra coppie al parcheggio del Centro Commerciale: donna stesa da un pugno

Torna su