Carcere Rebibbia: detenuta evade dal penitenziario dal cancello principale

La donna era appena stata associata nella casa circondariale della via Tiburtina

E' evasa dal carcere uscendo dal cancello principale. Riuscita ad eludere la sorveglianza la donna è passata inosservata confondendosi con i parenti dei detenuti in uscita dalla casa circondariale. La clamorosa evasione è stata attuata intorno alle 14:00 di oggi 6 ottobre dal penitenziario di Rebibbia. A far perdere le proprie tracce una donna bulgara di 32 anni, trasferita nel carcere della via Tiburtina dopo essere arrivata all'aeroporto di Fiumicino. La 32enne era arrivata in Italia, estradata dalla Germania su mandato europeo, per scontare una condanna per quattro anni per furto e rapina. La donna è attivamente ricercata dalle forze dell'ordine.

Sei evasioni nel 2017

"La donna è di nazionalità bulgara ed era appena arrivata a Rebibbia da Fiumicino - commenta Maurizio Somma, segretario nazionale per il Lazio del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE -. "Un evento irresponsabile e gravissimo, per il quale sono già in corso le operazioni di polizia dei nostri Agenti della Penitenziaria finalizzare a catturare l’evaso. Nei primi sei mesi del 2017 si sono verificate, nelle carceri italiane, 6 evasioni da istituti penitenziari, 17 evasioni da permessi premio e di necessità, 11 da lavoro all’esterno, 11 da semilibertà e 21 mancati rientri di internati".

Agenti allo stremo

La notizia ha trovato le parole di Massimo Costantino, Segretario Generale Aggiunto Cisl Fns: "I poliziotti penitenziari sono allo stremo, vivono una condizione di lavoro pesantissima e necessitano di risposte risolutive .  Occorre investire nel sistema carceri con più organico, migliori condizioni di lavoro e più tutele del personale. Serve una migliore organizzazione del lavoro, più attenzione e responsabilità da parte di chi dirige la macchina amministrativa nel Dipartimento".

Vigilanza dinanica 

Per la Fns Cisl Lazio occorre, altresì "rivedere la vigilanza dinamica all’interno degli istituti, semmai  bloccarla nei casi di eventi critici causati da parte dei detenuti,  poiché troppe sono le aggressioni nei confronti del personale di polizia penitenziaria". 

Sgretolamento sistema penitenziario 

E’ senza appello anche la denuncia del SAPPE, come denuncia  il Segretario Generale Donato Capece : "Il sistema penitenziario, per adulti e minori, si sta sgretolando ogni giorno di più. Lo diciamo da tempo, inascoltati: la sicurezza interna delle carceri è stata annientata da provvedimenti scellerati come la vigilanza dinamica e il regime aperto, dall’aver tolto le sentinelle della Polizia Penitenziaria di sorveglianza dalle mura di cinta delle carceri, dalla mancanza di personale".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (8)

  • Che dire ? Mentre i politici rientrano dalle finestre , i carcerati riescono dal cancello ! W l'italia dei burattini!

  • giusto. Visto che sono un costo sociale pagato da tutti e che il non far nulla peggiora la loro situazione, meglio fargli fare cose utili alla società. Così avremo meno spese e i detenuti starebbero meglio. Chi non accetta, il carcere più lontano da casa e restrizioni Max consentite

    • giusto. Visto che sono un costo sociale pagato da tutti e che il non far nulla peggiora la loro situazione, meglio fargli fare cose utili alla società. Così avremo meno spese e i detenuti starebbero meglio. Chi non accetta, il carcere più lontano da casa e restrizioni Max consentite

    • concordo

  • Bastava non dar più alcun tipo di permesso e oggi avremmo 60 delinquenti in meno a piede libero ...io rimango dell'opinione che solo in rari casi il carcere è riabilitativo, tanto vale utilizzare i carcerati per i lavori socialmente utili: costruzione strade ponti e ferrovie, pulizia strade e giardini, bonifica discariche abusive ecc. ecc.

  • Questo fatto mi ha ricordato una barzelletta : un comandante delle guardie carcerarie ,raccomanda ai suoi uomini di sorvegliare attentamente le uscite, per evitare che qualcuno dei detenuti evadessero, l'indomani dopo un controllo si prese atto che più di un ristretto era evaso, il comandante infuriato rivolto alle guardie fece presente e ricordo alle stesse delle raccomandazioni che gli aveva ordinato, a quel punto la risposta di uno dei subalterni fu : comandante lei ci aveva detto di controllare le uscite, quelli sono scappati dalle entrate!!.

    • Avatar anonimo di Frank Serpico
      Frank Serpico

      Bella figura di sterco con i TEUTONICI, nemmeno è arrivata già è scappata!!!! evadono??? ovviamente la colpa come sempre cadrà sulle guardie di turno, NON sui politici che da anni bloccano il turn over, NON fanno assunzioni per ripianare la pianta organica dei carceri, NON si aprono carceri moderni già pronti e che sono chiusi per carenza di personale. I sindacati DA ANNI denunziano queste carenze di organico e loro nulla, anzi i detenuti debbono socializzare ecc ecc ed altre menate simili, su 10 delinquenti al massimo ne recuperi 1 quando va bene!!!!!

Notizie di oggi

  • Elezioni

    Amministrative 2019, si vota il 26 maggio: tutto sui principali comuni della provincia di Roma

  • Cronaca

    Stuprata dal branco, il Questore di Roma revoca licenza al Factory Club

  • Sport

    "Che te ridi regazzì? So felice, ho la maglia della Roma": la commovente lettera di De Rossi

  • Cronaca

    Trigoria: abusi su baby calciatori, le molestie in auto fuori dal centro sportivo

I più letti della settimana

  • Lo sciacallo della Tiburtina incastrato da un tatuaggio: "Ora perderò il posto di lavoro?"

  • Pesciolini d'Argento: cosa sono, come si formano e i segreti per eliminarli

  • Tor Pignattara: cadavere trovato in strada, è morto Saor il trapper di Centocelle

  • Fridays for Future e comizi elettorali: domani strade chiuse e bus deviati

  • Ciclista investito, ucciso e derubato su via Tiburtina: preso lo sciacallo

  • Ciclista morto su via Tiburtina, sciacalli rubano il portafogli e prelevano 500 euro

Torna su
RomaToday è in caricamento