Liverpool-Roma: estradato in Inghilterra l'ultrà giallorosso accusato di lesioni gravissime

La Cassazione ha dato il via libera al mandato d'arresto europeo-processuale richiesto il 4 ottobre dalla Gran Bretagna

Sarà estradato in Inghilterra Simone Mastrelli, il terzo ultrà della Roma accusato di lesioni aggravate e adunata sediziosa prima della partita di Champions League contro il Liverpool, ad Anfield, in cui rimase ferito Sean Cox. La Cassazione ha dato il via libera al mandato d'arresto europeo-processuale richiesto il 4 ottobre dalla Gran Bretagna.

La Cassazione ha dunque ritenuto inammissibile il ricorso di Mastrelli contro l'estradizione. In precedenza sono stati processati e condannati Daniele Sciuso (due anni e mezzo) e Filippo Lombardi (tre anni) ritenuti responsabili del reato di "violent disorder". Per Mastrelli, la situazione processuale si profila aggravata dopo il verdetto della Cassazione. 

Martina, moglie di Sean Cox, ha raccontato in passato la situazione del marito: "Vede doppio, a volte triplo, non riesce a parlare ma capisce tutto. Una tragedia che ci ha sconvolto la vita".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciopero a Roma: oggi a rischio tram, metro e bus. Gli orari

  • Scuole chiuse a Roma per maltempo: la decisione del Campidoglio

  • Non rientra a casa e i genitori denunciano la sua scomparsa: trovato morto dopo incidente stradale

  • Five Guys, il colosso americano di burger and fries inaugura a Roma

  • Sciopero a Roma: domani a rischio tram, metro e bus. Gli orari

  • Attraversa il Raccordo Anulare e viene investito: morto un uomo

Torna su
RomaToday è in caricamento