Esplosione nel bar di Valmontone: arrestato il proprietario dell'immobile

Scoperto l'autore dell'esplosione che lo scorso 31 gennaio rase completamente al suolo un bar di Valmontone. Arrestato il proprietario dell'immobile

Il 31 gennaio scorso provocò un'esplosione che rase al suolo un bar di Valmontone, provocando un boato talmente forte da svegliare tutti i residenti delle abitazioni vicine che, per la paura, si riversarono in strada. Ora, il responsabile è stato scoperto e individuato dai carabinieri: si tratta del proprietario dell'immobile che pretendeva che l’affittuario lasciasse i locali del bar consentendogli così di realizzare un albergo che gli avrebbe portato sicuri guadagni anche in considerazione dell’apertura del noto parco giochi di Valmontone.

Le indagini dei Carabinieri hanno consentito di escludere quello che nell’immediatezza era sembrato un vero e proprio atto intimidatorio. L’evento, causato da una bombola di gas aperta che, mediante un tubo di gomma, aveva saturato gli interni del Bar per poi esplodere grazie ad una scintilla provocata da un cavo elettrico inserito dall’esterno, collegato ad un timer, altro non era stato che l’epilogo di una situazione di tensione tra il gestore del bar ed il proprietario dell’immobile.
Questa mattina il proprietario dell’immobile, 47 anni del posto, è stato arrestato dai Carabinieri poiché raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per crollo di costruzione, disastro doloso e detenzione illegale di esplosivo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Temporale a Roma, bomba d'acqua sulla città: tre stazioni metro chiuse. Strade allagate

  • Sciopero a Roma: lunedì a rischio tram, metro e bus. Gli orari

  • Tragedia a Ostia, muore bimbo di 11 anni: si era sentito male a scuola

  • Palazzina a rischio crollo: evacuate 24 famiglie a Ciampino

  • Weekend dell'Immacolata a Roma: che fare sabato 7 e domenica 8 dicembre

  • Nubifragio a Roma, città allagata dopo due ore di pioggia: sotto accusa il piano foglie che non c'è

Torna su
RomaToday è in caricamento