Acea non emette le bollette da agosto. Codici: "Disagi per gli utenti"

Secondo quanto fa sapere l'associazione, il disagio sarebbe dovuto a una modifica delle procedure relative all'emissione delle fatture da parte dell'azienda. Ciò determinerà un aggravio sui bilanci familiari

Disagi per gli utenti Acea. I consumatori non hanno ricevuto la fattura del quinto bimestre delle bollette elettrice Acea e sono decine le segnalazioni della  mancata ricezione. Secondo quanto fa sapere l'associazione Codici, il problema sta investendo sia il settore relativo al mercato tutelato che quello del mercato libero.

LE CAUSE DEL DISAGIO: "Da approfondimenti effettuati dai nostri esperti, pare che l'azienda per motivi interni stia modificando tutte le procedure relative all'emissione delle fatture. Fin qui ci siamo - commenta Luigi Gabriele, responsabile Rapporti istituzionali del Codici - ed è normale che le aziende modifichino e migliorino i sistemi di fatturazione, purché siano più efficienti per i consumatori; ma a quanto pare questa volta sembra che le motivazioni siano afferenti a equilibri interni alle dinamiche di potere che incidono sull'azienda. Peccato però che a pagare tali disservizi siano i consumatori". Infatti quando riprenderanno le fatturazioni i consumatori saranno costretti a pagare più bimestri insieme con un notevole aggravio sui bilanci familiari.

ASSENZA DI INFORMZIONE AL CONSUMATORE: "La cosa che più ci preoccupa in tutto ciò è la totale assenza di informazione al consumatore su quanto sta accadendo - prosegue Gabriele -. Infatti né con comunicati ufficiali, né con informative, né coinvolgendo le associazioni consumatori, l'azienda sta gestendo questo processo. Alcuni consumatori ci hanno riferito che preoccupatisi per la mancata ricezione delle fatture hanno contattato i call center dell'azienda i quali hanno giustificato il disservizio rispondendo che i sistemi di emissione erano semplicemente bloccati".

Secondo la delibera dell'AEEG 200/99, ricorda Codici, la periodicità dell'emissione delle fatture è la seguente: "Se si ha un contratto a condizioni regolate dall'Autorità (servizio di maggior tutela) la bolletta deve essere inviata ai clienti almeno ogni 2 mesi. Se si ha un contratto nel mercato libero la periodicità di invio della bolletta è indicata nel contratto di fornitura".

INDENNIZZI: Il mancato adempiendo sui tempi obbligatori di emissione delle fatture riconosce all'utente il diritto a richiedere l'indennizzo automatico nei seguenti modi: L'indennizzo automatico base è di 20 euro e aumenta in relazione al ritardo nell'esecuzione della prestazione; se la prestazione viene eseguita oltre lo standard, ma entro un tempo doppio dello standard, viene accreditato l'indennizzo automatico base di 20 euro; se la prestazione viene eseguita tra il doppio e il triplo del tempo standard, viene accreditato il doppio dell'indennizzo automatico base, quindi 40euro; se la prestazione viene eseguita dopo più del triplo del tempo standard, viene accreditato il triplo dell'indennizzo automatico base, quindi 60 euro. Pertanto Codici invita l'azienda ad informare i consumatori e gli utenti a rivolgersi al numero verde 800 82 12 12 dello sportello delle associazioni consumatori "Diritti a viva Voce".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Temporale a Roma, bomba d'acqua sulla città: tre stazioni metro chiuse. Strade allagate

  • Palazzina a rischio crollo: evacuate 24 famiglie a Ciampino

  • Viabilità: le strade chiuse per sabato 30 novembre e domenica 1 dicembre

  • Omicidio Luca Sacchi, 5 misure cautelari. Nello zaino di Anastasia 70mila euro per 15 chili di droga

  • Tragedia a Ostia, muore bimbo di 11 anni: si era sentito male a scuola

  • Nubifragio a Roma, città allagata dopo due ore di pioggia: sotto accusa il piano foglie che non c'è

Torna su
RomaToday è in caricamento