Emanuele Crestini, il sindaco eroe morto per salvare i dipendenti: tutta la politica lo piange, Castelli in lutto

Trasferito all'Ospedale Sant'Eugenio di Roma con ustioni sul 35% del corpo, Crestini è morto la sera del 20 giugno, 4 giorni prima di compiere 47 anni.

E' stato l'ultimo a lasciare l'edificio dopo l'esplosione avvenuta lo scorso 10 giugno a Rocca di Papa, preoccupandosi prima di aver fatto evacuare dipendenti, consiglieri e cittadini. Le ustioni riportate e le inalazioni dei fumi respirati, però, non gli hanno dato scampo.

In tanti, grazie a lui, sono vivi, senza aver riportato ferite. Questa, però, non è una storia a lieto fine. E' la realtà dove anche gli eroi muoiono. Emanuele Crestini, il sindaco eroe, è morto nella notte del 20 giugno, all'ospedale Sant'Eugenio di Roma, 4 giorni prima di compiere 47 anni. Una notizia che ha scioccato tutti i Castelli Romani che, dalle 23 di giovedì, sono in lutto.

Chi era Emanuele Crestini

Laureatosi in Scienze Politiche a Roma nel 2013, Crestini aveva la carriera politica nel 2011, venendo eletto consigliere comunale di Rocca di Papa. Nel 2016, Crestini si era candidato a sindaco a capo di una coalizione di liste civiche, venendo in seguito eletto al ballottaggio (il primo nella storia del comune), sconfiggendo la candidata del Partito Democratico

Nel 2018 era poi finito sulle prime pagine dei giornali a seguito dell'attracco della Nave Diciotti al porto di Catania con a bordo 177 migranti, quando il "suo" Comune accolse nel centro di accoglienza Mondo Migliore un gruppo di migranti. La faccenda portò tensioni tra cittadini disposti ad accogliere i rifugiati e militanti di estrema destra contrari al loro arrivo.

Crestini, che lascia una figlia, per la comunità di Rocca di Papa era un faro, come si legge nella toccante lettera: "Un uomo dalla grande forza di volontà e un innato spirito altruistico, virtù che lo hanno reso il sindaco che è stato in questi ultimi tre anni. Con lui abbiamo immaginato un futuro migliore per la città, un futuro che stavamo costruendo in modo corale e appassionato. Emanuele, il nostro sindaco e anche il nostro grande e sincero amico, sempre pronto ad aiutare tutti, finanche all'estremo sacrificio. Emanuele era il padre esemplare di una bimba meravigliosa".

Lutto cittadino per Emanuele Crestini e Vincenzo Eleuteri

L'amministrazione comunale, dopo la lettera pubblicata anche sui social, ha proclamato il lutto cittadino per le giornate del 21, 22 e 23 giugno per la morte del Delegato Cittadino Vincenzo Eleuteri e del Sindaco di Rocca di Papa Emanuele Crestini.

"Si invitano tutti i cittadini, le istituzioni pubbliche, le organizzazioni sociali, culturali, produttive ed i titolari di attività privata di ogni genere a manifestare il proprio cordoglio nelle forme ritenute opportune, come la la sospensione delle rispettive attività, con esclusione dei servizi indispensabili ed obbligatori, dalle ore 14 alle ore 18 del giorno di sabato 22", si legge nella nota.

Per le giornate tutto il week end, poi, saranno esposte le bandiere a mezz'asta sugli edifici pubblici, comunali e scolastici. Una tragedia che ha coinvolto tutti i Castelli Romani. Da Castel Gandolfo e Grottaferrata, fino a Marino e Albano Laziale. Tanti i comuni che hanno indetto il lutto cittadino. 

Messaggi di addio al sindaco eroe di Rocca di Papa

E poi c'è il mondo politico. Quello di cui Emanuele Crestini faceva parte. I primi a mandare messaggi di cordoglio sono stati la sindaca di Roma Virginia Raggi, il presidente della Regione Nicola Zingaretti e anche il leader della Lega Matteo Salvini che ha sottolineato come "sia doverosa la medaglia d'oro al valor civile, questo è un eroe italiano".

A loro si è unito anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in una dichiarazione: "Ho appreso con profondo dolore la notizia. Ha messo in salvo tutte le persone che erano dentro i locali, dando un esempio di coraggio, di altruismo e di generosità nei confronti dei suoi concittadini".

"Uscire per ultimo dal palazzo del Comune di Rocca di Papa, dopo aver messo in salvo tutti i dipendenti da quel terribile incendio, gli è costato la vita. Non potremmo immaginare coraggio, spirito di servizio e senso di responsabilità più forti di quelli dimostrati da Crestini. Abbiamo tanto sperato affinché la sua lotta, durata dieci giorni, lo riconsegnasse alla sua comunità e ai suoi affetti, ma così non è stato. Siamo sgomenti dal dolore, la sua morte lascia un vuoto enorme", ha scritto Narciso Mostarda, Dg della Asl Roma 6.

Messaggi che hanno anche varcato i confini del Lazio. Il primo Consiglio comunale della nuova legislatura di Firenze si è inaugurato con un minuto di silenzio in ricordo del sindaco di Rocca di Papa. Giovanni Toti, presidente della Regione Liguria, ha lanciato "una preghiera per Emanuele Crestini. Un uomo e un amministratore che fino alla fine ha protetto la sua gente".  

I funerali di Vincenzo Eleuteri

Domani, invece, ci sarà l'ultimo saluto a Vincenzo Eleuteri. A Rocca di Papa saranno chiusi gli uffici pubblici presenti sul territorio comunale dalle ore 14 alle 18. Città metropolitana di Roma, parteciperà ai funerali, con il Consigliere Delegato Carlo Colizza, accompagnato dal Gonfalone listato a lutto.

La Sindaca Raggi ha disposto le bandiere a mezz'asta per la giornata di domani in tutti gli uffici di Città metropolitana di Roma Capitale, in segno di lutto. I funerali di Vincenzo Eleuteri si celebrano alle ore 15:30, nella chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta in Cielo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Incidente sul Raccordo: auto ribaltata allo svincolo Centrale del Latte, Irene cerca testimoni

  • Insegue scooterista e lo travolge con l'auto, poi le minacce: "Se non ti ho ammazzato oggi lo farò domani"

  • Il concorso per lavorare in Senato: ecco come candidarsi

Torna su
RomaToday è in caricamento