Emanuela Orlandi, "cercate dove indica l'angelo": chiesta l'apertura di una tomba

In una lettera all'avvocato della famiglia Orlandi l'ipotesi che un loculo del cimitero teutonico possa custodire i resti della ragazza scomparsa trentasei anni fa. I familiari scrivono al cardinale Pietro Parolin

Emanuela Orlandi. Il fratello Pietro Orlandi a Porta a Porta (foto Ansa Fabio Frustaci)

Porta a una tomba antica che si trova nel cimitero teutonico - all'interno delle mura vaticane - l'ultimo mistero collegato alla giovane Emanuela Orlandi, la cittadina vaticana scomparsa in circostanze misteriose a quindici anni, nel lontano 22 giugno 1983. Dopo la storia delle ossa ritrovate nella Nunziatura Apostolica, rivelatasi un buco nell'acqua, ora spunta un'altra pista d'indagine. Di cosa parliamo? Tutto parte da una lettera. "Cercate dove indica l'angelo": poche parole scritte in un messaggio arrivato l'estate scorsa all'avvocato della famiglia Orlandi, Laura Sgrò, come indizio per ritrovare i resti di Emanuela. 

Emanuela Orlandi: chiesta l'apertura di una tomba a Roma

La lettera ha fatto scattare le indagini difensive che hanno portato a una tomba del cimitero teutonico, all'interno delle Mura vaticane, che adesso la famiglia Orlandi chiede di riaprire. Appoggiata a una parete del cimitero teutonico, scrive il Corriere della Sera in un articolo di Fiorenza Sarzanini, c'è la statua di un angelo che tiene un foglio con la scritta in latino "Requiescat in pace", "Riposa in pace". Per terra una lastra con una scritta funeraria dedicata alla principessa Sofia e al principe Gustavo von Hohenlohe che nel 1857 fu nominato arcivescovo da papa Pio IX. Ma la datazione della statua - secondo la segnalazione del legale - è diversa da quella della lastra. Non solo: la tomba sarebbe stata aperta almeno una volta.

Emanuela Orlandi, "aprite quella tomba nel cimitero teutonico": la risposta del Vaticano

L'istanza formale per la riapertura del loculo è stata inoltrata al segretario di Stato Vaticano, il cardinale Pietro Parolin, nella speranza che vengano svolte ulteriori indagini e trovino risposte tutti gli interrogativi rimasti ancora insoluti. "La lettera della famiglia di Emanuela Orlandi è stata ricevuta dal cardinale Pietro Parolin, verranno ora studiate le richieste rivolte nella lettera", ha sottolineato il portavoce vaticano 'ad interim', Alessandro Gisotti, replicando alle richieste avanzate dai famigliari di Emanuela Orlandi.

"Alcune fonti - si legge nella richiesta depositata dall'avvocato Laura Sgrò il 25 febbraio scorso - riferiscono che più persone da anni sono solite deporre i fiori in segno di pietà nei confronti dell'Orlandi che lì sarebbe seppellita. Per fugare ogni dubbio sul contenuto, si ritiene opportuno una ricerca negli archivi di ogni documento relativo a tale loculo per individuare chi vi risulti essere stato sepolto. In ogni caso si chiede l'apertura della tomba alla presenza della sottoscritta, di un rappresentante della famiglia Orlandi e del nostro consulente tecnico, il dottor Giorgio Portera, affinché possa partecipare alle operazioni con tutte le garanzie necessarie vista la gravità del caso".

Nel corso degli anni sono state tante le "piste" delle indagini, poi rivelatesi false, per ritrovare Emanuela Orlandi.

Potrebbe interessarti

  • Saldi estivi a Roma, manca poco: quando iniziano

  • Cinema all'aperto a Roma: indirizzi e film in programma nell'estate 2019

  • Immunoterapia contro il cancro, messo a punto nuovo farmaco da ISS e Sant'Andrea di Roma

  • I migliori mercati (di frutta e verdura) di Roma

I più letti della settimana

  • Tragedia a Torvaianica: ragazzo di 17 anni morto affogato in mare

  • Giallo di Torvaianica, il compagno di Maria Corazza ha incontrato tre persone venerdì mattina

  • Meno di 300 euro andata e ritorno da Roma a New York: ecco il nuovo volo diretto

  • Viale Marconi: violentate e picchiate in strada. Aggressore fugge e viene investito

  • Torna #vialibera: domenica 16 giugno a Roma 15 chilometri di strade solo per bici e pedoni

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 15 e domenica 16 giugno

Torna su
RomaToday è in caricamento