Undicenne morto investito sulla Colombo, auto viaggiava "oltre il limite di velocità"

Il 22enne alla guida dell'auto che ha investito il piccolo Emanuel Claudio Stoian è accusato di omicidio colposo stradale

E' accusato di omicidio colposo stradale, il 22enne alla guida della Ford Fiesta che ha investito e ucciso Claudio Emanuel Stoian, romeno di 11 anni, all'Eur, in via Cristoforo Colombo, la sera del 2 settembre del 2018.

A dirlo è il Pm Carlo Villani. La causa dell'incidente, secondo la Procura, è stata la velocità sostenuta tenuta dal ragazzo: venti chilometri all'ora in più rispetto a quando previsto in quel tratto di strada poco illuminato.  

Secondo i riscontri investigativi il 22enne, che viaggiava a 70 km/h, si è visto sbucare un signore e i suoi due figli, che s'immettevano su via Cristoforo Colombo in un punto in cui non ci sono le strisce pedonali. Claudio Emanuel Stoian, più indietro rispetto al padre e al fratello, viene investito. 

Il 22enne chiama i soccorsi e per lo choc accusa un malore. Claudio Emanuel Stoian, portato in ospedale, morirà due giorni dopo per la gravità delle lesioni riportate. 

I genitori del piccolo, dopo la morte del loro bambino, hanno deciso per donare gli organi del figlio e così Emanuel Claudio potrà salvare delle vite. L'indagato non era alla guida in stato di ebbrezza o sotto l'effetto di stupefacenti, come ricostruito anche dagli agenti della polizia locale dei gruppi Tintoretto e IX Eur. 

 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Salvini a Roma: in 40mila in piazza per il leader della Lega. Strade chiuse e bus deviati

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

Torna su
RomaToday è in caricamento