Ebola, stretta sui controlli a Fiumicino per chi arriva dal Congo. I consigli del Ministero della Salute

L'organizzazione mondiale della sanità l'ha classificata come "emergenza di salute pubblica internazionale" di livello 3

Massima allerta e controlli serrati all'aeroporto di Fiumicino per chi arriva dalla Repubblica democratica del Congo, paese colpito da una epidemia di Ebola. Dopo che l'Organizzazione mondiale della sanità l'ha classificata come "emergenza di salute pubblica internazionale" di livello 3, il ministero della Salute, attraverso il dirigente medico dell'U.T. di Roma Fiumicino, chiede alla direzione aeroportuale del Lazio di convocare una riunione all'Enac con Enav, Enti di Stato, Adr, Alitalia, Aviapartner Aviation Services, Aoc, Comitato Utenti e Ibar, per fare il punto sulla situazione e avviare la macchina dei controlli, dando indicazioni dettagliate su cosa fare in caso di passeggero a rischio virus Ebola.

"Ad oggi - si legge nel documento del ministero della Salute - vengono eseguiti controlli sanitari sugli operatori delle Organizzazioni governative e le Ong che rientrano dalla Repubblica democratica del Congo". I loro rientri, programmati "sono sempre indiretti, con scalo, di norma in un paese Ue, possono però arrivare anche con voli extra Eu, ad esempio dall'Etiopia". 

Nel documento viene anche stilato il cronoprogramma delle azioni degli Uffici di sanità marittima, aerea e di frontiera (Usmaf) che devono scattare nello scalo di Fiumicino. Dalla segnalazione se ci siano "voli diretti/indiretti (con scalo intermedio) dalla Repubblica democratica del Congo e dal Ruanda" fino ad arrivare all'obbligo per tutte le compagnie aeree con voli in arrivo di avere a bordo un numero di Plc (la scheda di individuazione passeggeri per fini di sanità pubblica) pari al numero di passeggeri ed equipaggio imbarcabili.

Una scheda che deve essere compilata nei casi in cui l'autorità di sanità pubblicata sospetta la presenza di una malattia infettiva, in cui si chiedono ai passeggeri informazioni utili: dal numero del volo al posto su cui si è seduti sull'aereo, oltre alle consuete informazioni anagrafiche. Nel documento del ministero si chiedono poi i numeri di cellulare dei capi scalo e dei responsabili di tutte le compagnie aeree con scalo a Fiumicino, nonché quelli del personale per una massima operatività. Per i Paesi europei il rischio rimane basso.

Precauzioni raccomandate alle persone che vivono o si recano nelle zone infette da malattia da virus Ebola

  • evitare ogni contatto con pazienti sintomatici, coi loro fluidi corporei e coi corpi o liquidi corporei di persone decedute
  • non consumare carne di selvaggina ed evitare i contatti con animali selvatici vivi o morti
  • lavare e sbucciare (quando appropriato) frutta e verdura prima di consumarle
  • lavarsi frequentemente le mani con acqua e sapone o con prodotti antisettici
  • avere rapporti sessuali protetti.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma: portato al Pertini per un controllo scappa. Caccia all'uomo: elicottero in volo

  • Sistema la spesa in auto e viene centrata da una jeep in retromarcia: morta un'anziana

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

  • Ferragosto a Roma: gli eventi del 15 agosto per chi rimane o si trova in città

  • Rischia di soffocare in un'osteria a Peschici: salvato da un turista romano

Torna su
RomaToday è in caricamento