menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Montesacro, droga e denaro: il nascondiglio in un pusher era la casa della zia malata

Un ragazzo di 28 anni nascondeva così il suo giro d'affari. Durante la pequisizione sono stati trovati oltre 10mila euro, trentadue cartucce per pistola e un chilo di cocaina

Soldi, cartucce per pistola e quasi un chilogrammo di cocaina. È quanto hanno sequestrato gli agenti della Polizia di Stato ad un pusher di 28 anni che nascondeva il tutto nella casa di una parente malata. 

LA DENUNCIA - Le indagini degli agenti del Commissariato Fidene Serpentara, agli ordini del dottor Francesco Maria Bova e del reparto volanti, sono iniziate grazie alle segnalazioni di alcuni cittadini che avevano denunciato una serie di movimenti sospetti a ridosso dell'incrocio tra via Nomentana e piazza Sempione. Ieri mattina all'alba il blitz degli uomini in divisa.  

BLOCCATA UN'AUTO - Transitando nella piazza gli agenti hanno notato un auto con quattro persone a bordo ed hanno deciso effettuare un controllo sugli occupanti. Il conducente, alla vista delle volanti, ha tentato di allontanarsi aumentando l'andatura ma dopo pochi metri è stato raggiunto e bloccato.

Identificati tutti gli occupanti, i poliziotti hanno esteso il controllo anche al mezzo rinvenendo sotto al sedile lato guida cinque dosi di cocaina già confezionate.

IL MAZZO DI CHIAVI - Approfonditi gli accertamenti e riscontrata l'estraneità ai fatti dei passeggeri, gli investigatori si sono concentrati sul 28enne trovato in possesso di un mazzo di chiavi e di 1100 euro in contanti, di cui non ha saputo giustificare il possesso. Il ragazzo, secondo quanto riportato dalla Polizi, si è mostrato sin da subito sofferente al controllo e poco collaborativo aumentando così i sospetti.

Estesa la perquisizione presso la sua abitazione, dove lo stesso abita con i genitori, gli agenti hanno rinvenuto e sequestrato altro denaro contante e scoperto, ascoltando le dichiarazioni del padre, che le chiavi in possesso del figlio aprivano anche l'appartamento di una zia malata e di cui, tutti gli appartenenti alla famiglia, avevano una copia.

LA CASA DELLA PARENTE MALATA - Perquisita anche quest'ultima abitazione, i poliziotti hanno rinvenuto circa 9mila euro, nascosti in diversi posti della casa,  un panetto di cocaina occultato all'interno di una scatola, due bilancini di precisione e 32 cartucce calibro 9x19 parabellum, trovate all'interno di una fodera di un cuscino del divano.

Terminate le verifiche, dove sono stati sequestrati complessivamente 10270 euro, il giovane è stato accompagnato in ufficio e arrestato. Messo a disposizione dell'Autorità Giudiziaria dovrà rispondere dei reati di "detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti" e "possesso di munizionamento di arma da guerra".
 

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    • Cronaca

      Meteo a Roma, forte vento sulla Capitale: allerta della Protezione Civile

    • Incidenti stradali

      Incidente in via Appia, motociclista contro auto: morto decapitato

    • Cronaca

      Omicidio a Prati: gestore di una vineria ucciso da un tassista

    • Cronaca

      Sciopero a Roma, il 31 maggio metro e bus a rischio

    Torna su