"La sta picchiando ancora": chiama la Polizia per salvare la sorella dall'aggressione del marito

E' successo in zona via delle Vigne. Aggrediti anche due poliziotti

Ancora una donna vittima delle violenze del marito. Questa volta è accaduto, ieri 19 settembre, in via delle Vigne. A dare l'allarme il fratello della giovane che ha allertato il Numero Unico per le Emergenze: "Correte, la sta picchiando ancora", il suo grido d'allarme.

Sul posto sono così giunti gli agenti della Polizia di Stato del Reparto Volanti. I poliziotti, messa in sicurezza la donna, hanno appreso dalla sua testimonianza che il marito l'aveva picchiata in più circostanze. Mentre lo stavano ammanettando, il giovane si è scagliato contro gli uomini in divisa che, nonostante le lesioni riportate, sono comunque riusciti a bloccarlo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli agenti sono stati refertati con 7 giorni di prognosi. Anche la donna ha necessitato delle cure mediche in ospedale. Il marito violento, egiziano di 30 anni, è stato quindi arrestato per "maltrattamenti in famiglia, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: positivi due minori della stessa famiglia, chiusi ristorante e centro estivo sulla Casilina

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus, a Roma 11 casi. In totale nel Lazio 14 nuovi contagi. I dati delle Asl

  • Coronavirus: undici nuovi contagi nel Lazio, chiusi ristorante e centro estivo nella periferia est

  • Coronavirus, a Roma sette nuovi casi: undici in totale nel Lazio

  • Tragedia a Roma: trovato nella sua auto il corpo senza vita di Rocco Panetta

Torna su
RomaToday è in caricamento