Ostia: donne aggredite e rapinate fuori la stazione, l'emulatore di Joe Cappuccio fa paura

Almeno quattro le segnalazioni di rapine avvenute nei pressi della stazione Stella Polare della Roma Lido. La Lega scende in strada e organizza un sit in

Un frame che ritrae Joe Cappuccio all'opera

Uomo, alto 1 metro e 75 circa, moro e con la barba. Questa la descrizione dell'emulatore di Joe Cappuccio che, da un mese circa, sta aggredendo e rapinando le donne nei pressi della stazione di Stella Polare di Ostia, una di quelle che serve la Roma Lido.

Almeno quattro gli episodi denunciati. Probabilmente anche altri non raccontati a Polizia o Carabinieri. L'ultimo lo scorso 2 aprile, alle 7:40 del mattino circa. Nonostante l'ora di punta il malvivente misterioso non è si è fatto scrupoli ha aggredito una donna nel sottopasso della stazione, l'ha rapinata della borsa, per poi lasciare il bottino sul marciapiede perché forse braccato. 

Sul posto sono intervenuti i Carabinieri di Ostia che hanno sentito i commercianti di zona. Nel quartiere si respira un'aria di paura: a fine marzo una ragazza è stata colpita con un pugno e rapinata della borsa; qualche giorno prima un fatto analogo in viale Vega.

Secondo i residenti l'autore delle violenze sarebbe un uomo che gira tra i portoni e la stazione Stella Polare, appostandosi e aggredendo le donne sul lato di via Giuseppe Andrè. Insomma sia la descrizione che lo scenario ricordano sinistramente il racconto che Maria, nome di fantasia, face a RomaToday

Lei, lo scorso dicembre, era stata una delle vittime del famigerato Joe Capuccio, un 42enne romano poi arrestato dai Carabinieri dopo una indagine. Gli inquirenti smentiscono che i due rapinatori siano la stessa persona ma il modus operandi del suo emulatore è lo stesso, e l'attenzione è massima come testimonia l'operazione fatta negli ultimi due giorni dagli uomini dell'Arma tra le varie stazioni della Roma Lido, ad Ostia, con 50 uomini in divisa.

Il dispositivo messo a punto ha come scopo quello prevenire i reati attraverso il controllo capillare del territorio e aumentare la percezione di sicurezza dei cittadini. Una sorveglianza di quartiere che fa parte dell'operazione Strade Sicure con Carabinieri e militari dell'Esercito che fanno la spola tra Lido Centro e Stella Polare.

"Ora tutte le mattine accompagno mia figlia in stazione e mi assicuro che salga sul treno. Al ritorno faccio lo stesso e la vado sempre a prendere", racconta al nostro portale Luca, che abita a pochi metri da Stella Polare. Eppure, in questa zona, non si sono mai registrati episodi violenza. L'escalation è avvenuta solamente negli ultimi mesi.

"Sono qui da anni, ma recentemente tra strade buie e rapine inizio ad avere paura", sottolinea Luana. Nel frattempo la Lega, sabato 6 aprile, alle 10:30 ha intanto annunciato un presidio per tenere alta l'attenzione sul tema, come spiega la capogruppo nel X Municipio Monica Picca: "La stazione di Stella Polare sta diventando terra di nessuno. L'arresto di Joe Cappuccio aveva fatto tirare un sospiro di sollievo a molti, ma la paura c'è e non il momento di abbassare la guardia. Sia in X Municipio che in Comune, come Lega ci faremo sentire per chiedere un maggiore e costante presidio delle forze dell'ordine nei pressi dello scalo della Roma-Lido e, anche, per aumentare l'illuminazione pubblica nei due lati di Stella Polare".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da Civitavecchia, il 14enne era a Bologna: così è stato ritrovato Alessandro

  • Sciopero Roma 25 ottobre 2019: metro, bus e Cotral a rischio. Orari e informazioni

  • Incidente sul Raccordo: auto ribaltata allo svincolo Centrale del Latte, Irene cerca testimoni

  • Il concorso per lavorare in Senato: ecco come candidarsi

  • Insegue scooterista e lo travolge con l'auto, poi le minacce: "Se non ti ho ammazzato oggi lo farò domani"

  • Ora solare 2019: ecco quando spostare le lancette

Torna su
RomaToday è in caricamento