Tor Carbone: donna polacca stuprata da un connazionale

E' stata la stessa donna a raccontare in Farmacia, dove ha ricevuto le prime cure, della violenza subita nel campo abusivo sulla via Laurentina. La vittima ha però rifiutato di denunciare il suo connazionale

Una cittadina polacca di 60 anni ha denunciato di essere stata violentata questa sera da un connazionale all'interno dell'insediamento abusivo nella zona di Tor Carbone, sulla via Laurentina. La donna avrebbe accusato un connazionale di 44 anni, attualmente interrogato dalla polizia.

La cittadina polacca in serata si era rivolta a una farmacia della zona raccontando di essere stata violentata e di aver bisogno di cure. Il personale della farmacia ha immediatamente avvertito il 113. Una volta accompagnata la donna in ospedale la polizia ha fermato un cittadino polacco di 44 anni che la stessa donna aveva poco prima indicato.

La vittima del presunto stupro in ospedale ha però rifiutato la visita e anche di denunciare il suo aggressore. La squadra mobile di Roma oltre a interrogare l'uomo sta cercando di trovare riscontri al racconto della cittadina polacca.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Ikea, apre un nuovo punto nella Capitale

  • Sciopero Cotral: venerdì 20 settembre a rischio il servizio extraurbano della Regione Lazio

  • In ritardo di due ore al primo giorno di scuola, le lacrime dei bambini sgomberati da Cardinal Capranica

  • Tragico epilogo a Ponte di Nona: trovato il cadavere di Amina De Amicis, l'89enne scomparsa 6 giorni fa

  • Da Acilia a Marranella, colpo a vecchie e nuove piazze di spaccio. Presi i nuovi capi: 21 arresti

Torna su
RomaToday è in caricamento