Morte Vanessa Russo: Doina Matei torna libera, pena ridotta di 4 anni per buona condotta

La 23 venne uccisa dopo essere stata colpita con la punta di un ombrello sulla banchina della metro di Roma il 26 aprile 2007

Doina Matei (foto Ansa)

Torna in libertà Doina Matei, la donna romena condannata in via definitiva nel 2010 dalla Cassazione a 16 anni di carcere per aver ucciso Vanessa Russo, colpita a un occhio con la punta dell'ombrello sulla banchina della metropolitana di Roma. Ha finito di scontare la sua pena in anticipo di quattro anni grazie alla buona condotta. Sono passati oltre 12 anni dalla morte di Vanessa. 

E' il 26 aprile del 2007 quando la ragazza, 23 anni, viene colpita all'occhio con la punta di un ombrello mentre, tra la folla, esce da un convoglio della metropolitana della linea B alla stazione Termini di Roma. Le sue condizioni appaiono subito gravi: viene portata al Policlinico Umberto I in codice rosso e ricoverata in prognosi riservata.

La giovane muore dopo un giorno di agonia. Intanto è caccia alle assassine, due donne dell'Est, riprese dalle telecamere della metro mentre si allontanano subito dopo l'aggressione, cercando di non farsi notare. La Procura di Roma apre un'inchiesta per omicidio e gli agenti della squadra mobile passano al setaccio campi nomadi, piazzali di partenza degli autobus per l'Est a Ponte Mammolo e la stazione Tiburtina. 

Ogni informazione e' preziosa per rintracciare le due fuggitive, identificate dagli investigatori. Cosi', vengono diffuse le loro fotografie e la Questura istituisce un numero verde per raccogliere segnalazioni. A tre giorni dall'omicidio il cerchio si stringe. La sera del 29 aprile Doina Matei, una giovane romena di 22 anni, e l'altra ragazza che era con lei al momento dell'aggressione, una 17enne, vengono rintracciate e bloccate a Tolentino, in provincia di Macerata. Proprio nelle Marche, dove abita la madre di una delle due giovani, si erano concentrate le ricerche delle forze dell'ordine.

La minorenne viene affidata a una casa di accoglienza sotto il controllo della procura minorile di Ancona mentre Matei viene rinchiusa nel carcere di Rebibbia. Con loro finisce in manette per favoreggiamento anche un operaio argentino, che le ha ospitate durante la fuga. La 17enne respinge fin dall'inizio ogni accusa. "Io non c'entro", afferma agli investigatori. Dopo un paio di settimane viene scarcerata dal Tribunale del Riesame dei minori che la ritiene imputabile di favoreggiamento ma non di concorso morale in omicidio volontario. 

La sua amica, Doina Matei, parla invece di un tragico incidente. "La lite era cominciata sul vagone... la ragazza mi ha dato una spinta... poi e' continuata sulla banchina e per difendermi ho alzato il braccio con l'ombrello", racconta la 22enne romena, accusata di omicidio volontario aggravato dai futili motivi. Una versione che, tuttavia, non convince gli investigatori e non e' confermata da varie testimonianze. Testimonianze che anche su un altro punto smentiscono l'indagata: chi c'era quella sera riferisce che sono apparse subito serie le condizioni di Vanessa ed è impossibile quindi che la Matei se ne sia andata senza essersi resa conto di quanto aveva fatto. 

L'arresto della giovane viene confermato e nonostante i legali della ragazza, Carlo Testa Piccolomini e Giuseppe De Napoli, insistano sul fatto che Doina non voleva uccidere, prevale la tesi del pubblico ministero Italo Ormanni. Il Tribunale del Riesame, presieduto da Francesco Taurisano conferma il carcere e l'imputazione.

Il 17 dicembre la Matei viene condannata con rito abbreviato dal gup di Roma Donatella Pavone a 16 anni di reclusione per omicidio preterintenzionale. Il pm Sergio Colaiocco aveva chiesto 20 anni per omicidio volontario. Secondo il giudice, cioè, la giovane romena non aveva intenzioni omicide quando al termine delle lite avvenuta nella stazione della metropolitana alzo' il braccio che impugnava l'ombrello colpendo Vanessa Russo. 

All'imputata pero' non viene concessa alcuna attenuante, viene anzi colpita anche dall'aggravante per avere agito per futili motivi. Qualche mese piu' tardi esce completamente dalla vicenda giudiziaria la 17enne nel frattempo ritornata in Romania. Il Tribunale dei Minori la proscioglie dall'accusa di favoreggiamento. Intanto, il pubblico ministero Sergio Colaiocco ricorre in appello contro la sentenza del gup, chiedendo per Matei la conferma della condanna a 16 anni di reclusione per omicidio volontario, e non come deciso in primo grado, preterintenzionale. 

Il 25 novembre del 2008, quindi, la romena torna davanti ai giudici della Corte di Assise d'Appello di Roma. In aula si respirano attimi di tensione quando il legale della 22enne romena, Nino Marazzita, interviene in favore dell'imputata ricordando come da parte di Vanessa Russo ci fu una provocazione nei confronti di Doina. Parole che scatenano la reazione della madre della vittima, seduta tra i banchi: 'Mia figlia non c'e' piu', lei e' teatrale", afferma Rita Russo, che viene poi fatta uscire dall'aula.

In appello i giudici confermano la condanna a 16 anni di reclusione per omicidio preterintenzionale aggravato dai futili motivi. La Matei dovrà poi risarcire i famigliari della vittima e viene fissata la somma di 20mila euro per ciascuna delle costituite parti civili. Alla lettura della sentenza la Matei scoppia in lacrime e i difensori annunciano l'intenzione di ricorrere in Cassazione contro la decisione della Corte che, ancora una volta, non ha riconosciuto nell'imputata le attenuanti generiche. 

Nel dicembre del 2008, dal carcere Doina Matei, che in Romania ha due figlie, scrive a al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano poiché la condanna che le e' stata inflitta la tiene lontana dai suoi bambini. Il 14 luglio salta l'udienza che si sarebbe dovuta tenere in Cassazione: la Matei, dal carcere di Lecce dove sconta la pena, invia una missiva e chiede di cambiare legale e di essere assistita dall'avvocato Carlo Testa Piccolomini, che l'aveva accompagnata nel primo grado di giudizio. 

Il 26 gennaio 2010 arriva in Cassazione la conferma definitiva della condanna a 16 anni. Nel 2016 Matei ottiene la semilibertà, ma dopo qualche mese monta una polemica per alcune foto, sul suo profilo Fb, che la ritraggono sorridente, anche in costume. La semilibertà viene inizialmente sospesa, poi riammessa. Il 25 gennaio 2017 le vengono concessi i servizi sociali. Oggi la notizia che è tornata libera.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Salvini a Roma: in 40mila in piazza per il leader della Lega. Strade chiuse e bus deviati

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

Torna su
RomaToday è in caricamento