Movida: intesa tra Questura e locali dell'Eur per regole in discoteca. Task force dei vigili nei week end

Dopo i recenti fatti di cronaca è stato rinnovato il protocollo d'intesa, giunto ormai alla sua terza edizione, tra il Questore di Roma e i responsabili dei principali locali di pubblico spettacolo insistenti nella zona dell'Eur

Regole rigide e più sicurezza. Il mondo della movida dell'Eur, dopo i recenti fatti di cronaca che ne hanno caratterizzato le recenti notti romane, ha incontrato la Questura di Roma per firmare e rinnovare il protocollo d'intesa relativo alla sicurezza nei locali. Un documento giunto ormai alla sua terza edizione dopo l'esordio nel 2017

"Questa firma sottolinea l'importanza del partenariato pubblico-privato, e si pone nella logica del raggiungimento del rispetto della legge, anche e soprattutto, tramite una costante e fruttuosa collaborazione tra privati cittadini e le forze dell'ordine", si legge in una nota di San Vitale.

In virtù di questo Protocollo i titolari dei locali firmatari dovranno porre una maggiore attenzione per tutto ciò che concerne la sicurezza nelle loro discoteche. Tra i principali oneri, dovranno adottare uno specifico "regolamento d'uso" , visibile a tutti, consentire l'ingresso nei locali ai soli maggiorenni, impiegare personale selezionato e formato alla sicurezza, mantenere costanti contatti con le Forze dell'Ordine, predisporre un adeguato sistema di videosorveglianza e rendere più visibili le aree circostanti alle rispettive strutture.

Regole, queste, già in vigore da due anni. La Questura di Roma, attraverso il Commissariato competente per zona, si impegnerà, dal canto suo, a visionare gli elenchi del personale impiegato nella sicurezza dei locali, a organizzare incontri tesi alla formazione degli operatori e a sensibilizzare i gestori dei locali a diffondere un'adeguata campagna mediatica contro l'uso di droghe, alcol e fumo.

"La firma di questo documento sottolinea, senz'altro, la considerazione che la Polizia di Stato nutre nei confronti dei privati cittadini che esercitano la loro libertà di iniziativa economica, purchè, ovviamente, avvenga nel pieno rispetto della legge", conclude la nota. 

Il rinnovo del protocollo d'intesa si somma anche all'impegno che verrà messo in campo dalla Polizia Locale. E' l'obiettivo della memoria di giunta firmata in Campidoglio in merito alle notte sicure. Nella carta si legge come, in campo, le strade e le aree della movida saranno presidiate da almeno 50 agenti di Gruppi Centro, Parioli, Gssu e Spe.

Controlli che saranno aumenti dalle 22 di sera alle 5 del mattino per tutti i week end. Non solo. La città sarà suddivisa in quattro aree: la prima Centro, Parioli, Nomentano e Tiburtino; poi Prenstino, Torri e Tuscolano; poi Tintoretto, Eur, Ostia e Marconi; quindi Monteverde, Aureli, Monte Mario e Cassia. 

Potrebbe interessarti

  • Morso del ragno violino, tutto quello che è bene sapere

  • Imprenditrice cinese spende undici milioni di euro per una villa a due passi da Villa Borghese

  • Bonus idrico: cos'è e chi può usufruirne

  • Centrifughe e frullati: eccone 8 da provare nell'estate romana

I più letti della settimana

  • Condomini aspettano i ladri sul terrazzo, li bloccano nel palazzo e li consegnano alla polizia

  • Blindati della polizia alla scuola di via Cardinal Capranica: notte d'assedio, in mattinata lo sgombero

  • Roma, incendio in via Appia Nuova: brucia autodemolitore, alta colonna di fumo nero in cielo

  • A Roma per una visita medica, muore investita da camion. "Stava attraversando le strisce"

  • Cerveteri si prepara al Jova Beach Party: bagni vietati e stabilimenti chiusi in anticipo. Tutte le info

  • Fiocco viola e messaggi su schermi: Atac ricorda Sophia, figlia di un dipendente morta dopo una malattia

Torna su
RomaToday è in caricamento