Gassificatore e discarica a Palidoro: residenti sul piede di guerra

Il Comitato Abitanti e Residenti Centro Vittorio di via di Granaretto Palidoro Fiumicino si schiera contro la realizzazione di una discarica e un gassificatore

Una discarica e un gassificatore a Palidoro, tutto questo sarebbe presto possibile, grazie a una delibera del comune di Fiumicino. Così, molto vicino all'ospedale pediatrico Bambino Gesù di Palidoro e a tanti residenti contrari all'idea, potrebbe sorgere la Malagrotta bis.

I residenti della zona esprimono tutto il loro dissenso attraverso le parole del Comitato Abitanti e Residenti Centro Vittorio di via di Granaretto Palidoro Fiumicino che scrivono: "Non vogliamo credere che ciò avvenga, lotteremo fino alla fine con qualunque mezzo per opporci a ciò" questo il commento del vice presidente del Comitato Abitanti e Residenti Centro Vittorio di via di Granaretto Antonio Luccisano. I terreni della nuova discarica sono stati individuati proprio a ridosso del Centro abitato di via di Granaretto appena finito di costruire con una popolazione di circa 550 famiglie (più di mille persone).
"Siamo in gran parte giovani coppie con figli piccoli in particolare sotto i tre anni d'età, venuti via da una Roma caotica, per cercare un luogo adatto a far crescere le nuove generazioni di questo paese." ha concluso Luccisano

"La nuova discarica mette il futuro dei nostri figli in discussione, siamo pronti a scontrarci con le istituzioni che governano questo Comune per opporci in modo granitico alla costruzione della discarica e del gassificatore. Viviamo ai limite del Comune senza nessun servizio, l'attuale amministrazione ha pensato bene di lottizzare tutti i terreni intorno al piccolo borgo di Palidoro, ma non ha nessuna intenzione di portare da noi luce, marciapiedi, secchioni dell'immondizia, scuole, centri ricreativi, eppure quando abbiamo comprato casa nel lontano 2007, ci hanno detto che sarebbe tutto arrivato entro il 2009" ha commentato il Presidente del Comitato Abitanti e Residenti Centro Vittorio di via di Granaretto Alessio Pietrogiuli.

"Nel corso del tempo abbiamo combattuto per ottenere il semaforo pedonale davanti la scuola Albertini e la stazione di Palidoro per un attraversamento sicuro dell'Aurelia, abbiamo scovato e ottenuto 2 dei 100 cassonetti chiusi in un deposito del comune che lo stesso non voleva installare per "mancanza di fondi" lasciandoci vivere tra i rifiuti, abbiamo chiesto e parzialmente ottenuto l'illuminazione pubblica su tutta la via di granaretto per permettere un accesso sicuro soprattutto in inverno da e verso la stazione, abbiamo chiesto che vengano effettuati i lavori di collegamento (ora spariti improvvisamente dal bilancio) con il borgo antico di Palidoro tramite il progetto più volte finanziato ma mai attuato di una pista ciclabile e pedonale." ha continuato Pietrogiuli.

"Siamo sempre stati attenti e vigili dei problemi di chi abita qui, sappiamo che l'amministrazione forse per mancanza di consenso in questi luoghi, non vuole effettuare investimenti positivi e ora con le notizie dell'ultima ora abbiamo anche capito il perché. Vogliamo dire alle Istituzioni che non possono gestire il problema rifiuti con la creazione della discarica più grande d'Europa senza la partecipazione dei cittadini che si oppongono a tale scempio ambientale con tutte le loro forze, visto che il sito individuato per la discarica dista dal centro abitato meno di tre km". Ha tuonato e concluso Pietrogiuli

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma: portato al Pertini per un controllo scappa. Caccia all'uomo: elicottero in volo

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Sistema la spesa in auto e viene centrata da una jeep in retromarcia: morta un'anziana

  • Alessio Terlizzi morto in un incidente a Castel Fusano, al vaglio la dinamica del sinistro

  • Detenuto evaso a Roma, Vincenzo Sigigliano preso dopo 6 giorni di latitanza: era da una parente

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

Torna su
RomaToday è in caricamento