Da un traffico di moto rubate scoperto un deposito di armi e munizioni

La scoperta a Fonte Ostiense a seguito della denuncia di un giovane che ha visto pezzi della sua moto rubata pubblicizzati su un sito internet di annunci

Una pistola rubata, decine di proiettili cal. 7,65, munizionamento da guerra, 5 passamontagna, una paletta segnaletica simile a quella in dotazione alle forze di Polizia, radiotrasmittenti, oltre a parti di motocicli provento di furto. Questo è quanto rinvenuto nella mattinata di ieri dagli agenti della Polizia di Stato del Commissariato Spinaceto,  diretto dal dottor Moreno Fernandez, in una cantina al Laurentino 38.

L'AVVIO DELLE INDAGINI - L’indagine è partita da un traffico di moto rubate, emerso a seguito di alcuni annunci apparsi su dei siti specializzati. Un giovane, infatti, visionando i vari oggetti messi in vendita,  ha notato delle parti di una moto da strada che gli era stata rubata nello scorso mese di settembre. Un particolare gli ha fatto ritenere che i pezzi in vendita fossero i propri: il contachilometri, infatti, riportava esattamente gli stessi chilometri che aveva percorso la moto prima di subire il furto.

L'AGGANCIO - Gli investigatori del Commissariato si sono subito attivati, contattando l’utenza del venditore e dandogli un appuntamento, con il pretesto di voler acquistare alcune parti poste in vendita. Una volta individuato e bloccato, ai poliziotti che gli contestavano il possesso del materiale  il giovane ha subito detto di averlo a sua volta comprato pochi giorni prima da un altro inserzionista. Risaliti al secondo venditore, sono scattate le perquisizioni.

LE PERQUISIZIONI - Dopo aver perquisito la sua abitazione con esito negativo, gli agenti sono passati a controllare il locale cantine, riuscendo ad individuare quella di pertinenza dell’uomo che, dopo aver inizialmente negato di possedere una cantina, ha finito poi per rivelare il luogo dove erano nascoste le chiavi. All’interno è stato rinvenuta, nel dettaglio, una pistola calibro 7,65 con matricola parzialmente abrasa completa di caricatore, 45 proiettili dello stesso calibro, 120 proiettili calibro 9 parabellum, 11 proiettili cal. 9 x 21, 5 mephisto, una paletta per segnalazione, lampeggiante e radio trasmittente, oltre a targhe e parti di moto rubate.

L'ARRESTO - L’uomo, pertanto, identificato per G.C., romano di 41 anni, è stato tratto in arresto. Le indagini non si sono comunque concluse. Dal materiale ritrovato, infatti, appare verosimile che la cantina fosse un luogo dove una “batteria” di rapinatori custodiva gli “attrezzi del mestiere”.

Si cercherà, pertanto, di risalire a chi, oltre all’arrestato, avesse la disponibilità del materiale ed agli eventuali “colpi” messi a segno.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Incidenti stradali

      Ancora tre giovani vittime della strada. A Roma meno incidenti, ma aumentano i morti

    • Cronaca

      Derby e referendum: la domenica blindata della Capitale

    • Cronaca

      Rapina a mano armata al Lidl: tengono in ostaggio vigilante e fuggono col bottino

    • Politica

      Atac agli autisti: "Per le feste bus e metro a pieno regime"

    I più letti della settimana

    • Incidente a Centro Giano: morto 23enne, giovane allenatore di pallanuoto

    • Terremoto in centro Italia: scossa di magnitudo 4.4 avvertita anche a Roma

    • Incidente a Porta Portese, scontro scooter-autocarro: morta una 18enne

    • Incidente a Porta Portese: morta Alisa, 18enne finita sotto un camion con il suo scooter

    • Incidente sul Raccordo, scooter tampona auto in avaria: grave 55enne

    • Acilia piange Alessandro, l'allenatore di pallanuoto morto in un incidente a Centro Giano

    Torna su
    RomaToday è in caricamento