Lo street artist Diavù dice basta al progetto Muro: "Io aggredito mentre dipingevo"

Il noto artista di fama internazionale aggredito al Quadraro, insieme a un assistente, mentre ultimava un lavoro in via Decio Mure: "Non è la prima volta, siamo già stati minacciati"

Il murale in via Decio Mure (Foto da Fb di Diavù Vecchiato)

Sarebbe stato picchiato mentre dava gli ultimi ritocchi a un nuovo murale al Quadraro, omaggio a una vittima della deportazione nazifascista del 17 aprile 1944. Una violenta aggressione (e, secondo quanto denunciato, non sarebbe la prima) che lo ha spinto a dire basta al progetto di street art presente da anni nel quartiere. David Vecchiato, in arte Diavù, autore di fama internazionale, non dipingerà più sui muri pubblici del suo quartiere. "Prendiamo atto del clima sfavorevole che si è venuto a creare e riteniamo che sia diventato pericoloso proseguire con il nostro lavoro a causa delle gravissime aggressioni verbali e fisiche" firmato il gruppo di 32 artisti e collaboratori di M.u.Ro, il Museo di Urban Art di Roma. Che ha dato vita a una quarantina di lavori tra il Quadraro e Tor Pignattara, alcune su commissione delle istituzioni, altre semplicemente donate alla cittadinanza. 

Era la sera del 10 aprile e Diavù stava completando un'opera in via Decio Mure, commissionata dal VII municipio. E' il ritratto di una delle vittime dell'Olocausto, vissuta al Quadraro, deceduta solo pochi mesi fa. Ma insieme all'assistente esecutivo del progetto, Giorgio Silvestrelli, sono rimasti vittime di quello che hanno raccontato come un vero e proprio assalto. 

"E' un uomo già noto alle forze dell'ordine che in passato aveva già minacciato di morte Vecchiato e già aggredito Silvestrelli". Si sarebbe scagliato contro i due, procurando a Diavù un trauma facciale e uno in zona cervicale. "Ha detto che voleva decidere i soggetti raffigurati nelle opere d’arte del progetto MURo e voleva ricavarne benefici economici" spiegano ancora i membri dell'associazione, raccontando di altri episodi di diffamazione sui social network ai danni dell'artista e del progetto. 

Da qui la decisione, non certo a cuor leggero: stop ai murales fino a che la situazione non tornerà alla normalità. "Abbiamo il fondato timore che questi spiacevoli episodi di violenza si possano ripetere nel tempo con ben altre e più gravi conseguenze". E per quanto "siamo consapevoli che l'interruzione della nostra attività è una vittoria per l'aggressore, per tutelare noi e le nostre famiglie non possiamo fare altro che chiudere qui quest'esperienza di 8 anni, augurando al Quadraro di mantenersi un quartiere sempre più fiero della propria identità". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dopo il lockdown: ecco in quali quartieri sono aumentati di più i contagi

  • Coronavirus, a Roma 17 nuovi contagi. Positivo bimbo di un anno a Civitavecchia

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

  • Castel Sant'Angelo, in bilico sul cornicione del ponte a tre metri dal Tevere

  • Coronavirus: a Roma 12 nuovi casi, sono 23 in totale nel Lazio. I dati Asl del 10 luglio

Torna su
RomaToday è in caricamento